Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:02
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Ambiente

“Le foreste africane assorbono più Co2 dell’Amazzonia”

Immagine di copertina
Deforestazione in Colombia. Credit: EPA/Mauricio Dueñas Castañeda

La capacità dell’ex primo polmone verde del pianeta è diminuita di un terzo in 20 anni e da qui al 2040 potrebbe anche emettere più CO2 di quanto ne assorbe

“Le foreste africane assorbono più Co2 dell’Amazzonia”

Il polmone verde più importante del pianeta non è più l’Amazzonia ma le foreste tropicali dell’Africa, che assorbono una quantità superiore di Co2. Lo rivela una ricerca della rivista Nature, citata da Le Monde Afrique, che spiega che a causa del riscaldamento globale e del disboscamento, le foreste stanno perdendo la loro capacità a ripulire il pianeta dalle emissioni inquinanti e stanno diventando inquinanti.

Lo studio ha monitorato durante 30 anni e ad intervalli regolari circa 565 aree forestali con una superficie media di un ettaro sia in Amazzonia che in Africa. La capacità dell’ex primo polmone verde del pianeta in America latina è diminuita di un terzo in 20 anni e da qui al 2040 potrebbe anche emettere più anidride carbonica di quanto ne assorbe.

La ricerca conferma l’indebolimento dei pozzi naturali il cui contributo è stato finora cruciale per ridurre le concentrazioni di biossido di carbonio nell’atmosfera. “Il pico di assorbimento del carbonio da parte delle foreste tropicali è stato registrato negli anni Novante e da allora la loro capacità sta diminuendo”, avverte l’autore della ricerca, Wannes Hubau, professore presso il Museo reale dell’Africa centrale a Bruxelles.

Fino ad un certo punto, nei due continenti l’aumento di Co2 nell’atmosfera ha fortemente accelerato la crescita degli alberi, ma poi, sotto l’effetto del riscaldamento climatico il coperto vegetale si è danneggiato sempre di più.

L’Amazzonia è stata più colpita da questo effetto, mentre le foreste africane sono state maggiormente protette da un’altitudine media di 200 metri sopra il livello del mare e da temperature di circa 1,1 grado in meno rispetto a quelle registrate in America del Sud. “Le foreste africane hanno un ciclo di vita più lento. Il carbonio rimane intrappolato una quindicina di anni in più prima che gli alberi vengano distrutti. È questa situazione che spiega il divario tra i due blocchi forestali”, ha sottolineato Hubau.

Secondo le proiezioni dello studio, la capacità di assorbimento di Co2 delle foreste arriverà a saturazione prima di quanto previsto dagli esperti del Giec (Gruppo intergovernativo di esperti sull’evoluzione del clima): nel 2040 per l’Amazzonia e nel 2060 per l’Africa. Da quel momento in poi la natura stessa diventerà un fattore di accelerazione dei cambiamenti climatici. Ciononostante, insiste la stessa fonte, “le foreste tropicali rimangono serbatoi giganteschi che vanno tutelati ad ogni costo”.

Leggi anche:

1. “Deforestazione e allevamenti intensivi stanno aggravando la diffusione dei virus nel mondo” /2. Con il Coronavirus è calato drasticamente l’inquinamento in Cina: le immagini della Nasa a confronto

Ti potrebbe interessare
Ambiente / La causa del secolo: la storia delle giovani attiviste che hanno fatto causa allo Stato per inazione climatica
Ambiente / Emergenza siccità, il governo prepara il Dpcm: tutto il Nord in “zona rossa”. A rischio anche Marche e Lazio
Ambiente / Giudizio universale: i cittadini fanno causa allo Stato per “inazione climatica”. Ecco cosa ha deciso il giudice
Ti potrebbe interessare
Ambiente / La causa del secolo: la storia delle giovani attiviste che hanno fatto causa allo Stato per inazione climatica
Ambiente / Emergenza siccità, il governo prepara il Dpcm: tutto il Nord in “zona rossa”. A rischio anche Marche e Lazio
Ambiente / Giudizio universale: i cittadini fanno causa allo Stato per “inazione climatica”. Ecco cosa ha deciso il giudice
Ambiente / Emergenza siccità, l’allarme di Enel: “L’acqua è finita”
Ambiente / Emergenza siccità, il ministro Patuanelli: “Inevitabile dichiarare lo stato di crisi”
Ambiente / Allarme siccità sul Po, chiesto il razionamento dell’acqua in 125 comuni: “Valori mai visti da 70 anni”
Ambiente / Imprese green, bilancio di sostenibilità elemento imprescindibile per creare valore
Ambiente / Le tre semplici regole per una pasta ancora più green
Ambiente / WWF, cambio ai vertici: Daniela Ducato eletta presidente
Ambiente / I danni degli pneumatici all’ecosistema