Me

Liberato è tornato: ecco il quarto inedito “Tu me faje ascì pazz’”

Immagine di copertina
Un frame dall'inedito "Tu me faje ascì pazz'"

Liberato Tu me faje ascì pazz’ | Video Tu me faje ascì pazz’ | Testo Tu me faje ascì pazz’

Nella notte tra il 9 e il 10 maggio Liberato ha pubblicato sul suo canale YouTube cinque brani inediti. Cinque pezzi che si presentano sotto forma di una sorta di soap-opera dal titolo Capri Rendez-Vous e che finiscono dritti dritti nel primo album dell’artista napoletano.

“Liberato sta tornando”, le rivelazioni a TPI sul cantante napoletano senza identità

L’album arriva dopo tre anni, si chiama Liberato e dentro ci sono oltre ai cinque brani inediti anche quelli con cui il misterioso rapper napoletano si è fatto conoscere al pubblico. In Capri Rendez-Vous si riconosce nitido il sound di Liberato, il napoletano si mischia all’inglese, il neomelodico al ritmo serrato del rap e il risultato è eccezionale.

Liberato è tornato

La storia raccontata in Capri Rendez-Vous è quella dell’amore tra due ragazzi che diventano adulti. Marie, un’attrice francese, e Carmine si incontrano, si innamorano, si allontanano e si ritrovano. Il tutto sul palcoscenico della splendida Capri.

Cinque brani che sono cinque episodi di un amore senza fine, martoriato e duraturo. Capri Rendez-Vous, diviso in cinque capitoli: Guagliò, Oi Marì, Nunn’a voglio ‘ncuntrà, Tu me faje ascì pazz’ e Niente.

Liberato Album | Video Tu me faje ascì pazz’

Liberato Album | Testo Tu me faje ascì pazz’

S’è fatt tard, turnnammecenne
Faje semp chest, and you never change
Te sto priann, Ave Marì
Turnamm’ a cas’, parlamm’ p’a vij

Tell me that you love me, that you really want it
Faje cartin’ e filter, I told you that I’m sorry
Tu me faje ascì pazz’
Piccere’ me faje ascì pazz’
Piccere’
Piccere’ me faje ascì pazz’
Piccere’ me faje ascì pazz’

Nun è over, scart’ frusc’ e po’ piglie primmer
No no no
Don’t go there
Sul’ lacrime matin a ser
Vienm’ ‘nsuonno, nun alluccà
Nu poc rind ij pe nun penzà (?)
Guardame ‘nfaccia, nennè cre?
So’ già tre mis ‘ca stong cu ‘tte
‘ca stong cu ‘tte

Int ‘a nu sguard, mo jammuncemm’
Ce ‘ntussecamm’ and you never change
Te sto priann, anima mia
Turnamm ‘a cas, vulamm’ p’a vij

Tell me that you love me, that you really want it
Faje cartin’ e filter, I told you that I’m sorry
Tu me faje ascì pazz’
Piccere’ me faje ascì pazz’
Piccere’
Piccere’ me faje ascì pazz’
Piccere’ me faje ascì pazz’

Nun è over
Mon amour staje semp’ ‘e na manera
Che ce tien (?)
Affunnamm’ int ‘e male penzier
Vienm’ ‘nsuonno, nun alluccà
Nu poc rind ij pe nun penzà (?)
Guardame ‘nfaccia, nennè cre?
So’ già seij mis ‘ca stong cu ‘tte
‘ca stong cu ‘tte

Miez’ ‘a tutt ‘stu cazz ‘e burdell’ ce stann doije rose
Teng ‘a cap corios nennè, rimmane te spos
(mo’ nun’è cos’)
Ce vrimm rimmane a Amsterdam, aro staje annascosa
(mo’ nun’è cos’)
Miez’ ‘a tutt ‘sti canciell
Sientm’ ‘bbon, mi corazon
Comm’ si bell, tu want to go home?
Te sto priann, Ave Marì
Turnamm’ ‘a cas, vulamm’ p’a vij

Tell me that you love me, that you really want it
Faje cartin’ e filter, I told you that I’m sorry
Tu me faje ascì pazz’
Piccere’ me faje ascì pazz’
Piccere’ ce rutt’ ‘o-
Piccere’ me faje ascì pazz’
Piccere’ me faje ascì-
Piccere’ me faje ascì pazz’

S’è fatt tard, turnammacenne
Faje semp chest and you never change