Me

Salvini: “Cannabis? Meglio legalizzare la prostituzione, far l’amore fa bene sempre”

Immagine di copertina

Cannabis light Salvini prostituzione | “La droga fa male, se bisogna legalizzare o liberalizzare qualcosa, parliamo invece della prostituzione, visto che far l’amore fa bene sempre e farlo in maniera protetta e controllata medicalmente e sanitariamente”.

Sono le parole del ministro dell’Interno, Matteo Salvini, che torna sul tema della legalizzazione della cannabis e della chiusura dei negozi di canapa legale.

“Sono sicuro che il ‘modello Macerata’ può essere replicato con successo in tutta Italia, oggi stesso manderò una direttiva con questa indicazione”, aveva affermato qualche ora fa il ministro dell’Interno, che ha annunciato di voler chiudere tutti i negozi di cannabis light, perché sarebbero dei veri e propri luoghi di spaccio di droga, anche legale.

Nei cannabis shop vengono venduti prodotti a base di cannabis con un livello di thc, il principio attivo, inferiore allo 0,2 per cento.

Le affermazioni di Salvini hanno creato grande scompiglio all’interno della maggioranza. Sia il ministro Di Maio che il premier Conte hanno frenato sull’annuncio di Salvini. Di Maio, il cui partito ha presentato una proposta di legge per legalizzare la cannabis, ha detto che sarebbe più opportuno occuparsi della droga illegale, piuttosto che di quella illegale.

Dal canto suo Conte ha detto che il tema della chiusura dei cannabis shop non è all’ordine del giorno.