Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

“Salviamo Elisa dalla leucemia, belva bast***”: l’appello di un papà per trovare un donatore di midollo

Immagine di copertina

Elisa ha solo 4 anni ma combatte contro una gravissima leucemia. Il primo trapianto, a cui è stata sottoposta nel gennaio 2018, sfortunatamente non è riuscito. Il padre della bambina ha lanciato un commovente appello per trovare un nuovo donatore. Il messaggio è comparso sulla pagina Facebook “Fabio Pardini per Elisa”.

“Sono parole che non avrei mai voluto scrivere… Ma mi sento in dovere per rispetto alle migliaia di persone che ci seguono e che costantemente ci scrivono e ci aiutano ormai da 2 anni di non poter più stare in silenzio…”, scrive Fabio.

La figlia è in cura all’ospedale Bambino Gesù di Roma, dove è stata sottoposta al primo trapianto da donatore compatibile all’85-90 per cento.

“Dopo 2 anni di sofferenze,di speranze, illusioni, mille difficoltà e rare piccole gioie, quando sembrava illuminarsi la strada in fondo al tunnel, quando si riaccendeva un concreto barlume di speranza…Tutto finito…tutto spazzato via..la BELVA BASTARDA e FOTTUTA è ritornata (recidiva)…La tanto temuta leucemia è ritornata a riprendersi il corpicino minuto di soli 12 chili della piccola Elisa di 4 anni e mezzo”, si legge nell’appello.

La bambina dopo il primo trapianto aveva ricominciato a mangiare, camminare e giocare, ma poi la situazione è precipitata di nuovo. La speranza di Fabio adesso è quella di trovare un donatore ancora più compatibile del primo, per poter tentare la strada di un nuovo trapianto. Ecco il motivo dell’accorato appello.

Sulla pagina Facebook dedicata alla piccola Elisa, è attiva una raccolta fondi per poter sostenere economicamente la famiglia, già gravata dai gravissimi problemi di salute.

La causa di Elisa era stata sostenuta in passato anche dalla popstar Anastacia e da Rosario Fiorello.

L’appello: