Me

Renzi: “È merito mio se i Cinque Stelle sono esplosi, e Salvini farà lo stesso”

Immagine di copertina

Matteo Renzi ha rilasciato una lunga intervista al Corriere della Sera, a pochi giorni dall’elezione di Nicola Zingaretti al ruolo di nuovo segretario del Partito Democratico. E si prende il merito di aver distrutto il Movimento Cinque Stelle.

“Onore a chi ha vinto, rispetto per il voto”, ha detto Renzi nel suo dialogo con Aldo Cazzullo, promettendo di dare una mano al nuovo segretario in modo leale e trasparente.

“Le scissioni noi non le abbiamo fatte; le abbiamo subite”, dice Renzi, levandosi qualche sassolino dalla scarpa in merito al “fuoco amico” subito dalla minoranza dem quando era lui il segretario del partito.

“L’unico momento in cui si è rischiata la spaccatura è stato la primavera scorsa, quando una parte rilevante voleva fare l’accordo con i 5 Stelle e una parte no. Caduta questa ipotesi, io sono pronto a dare una mano. Il segretario è Zingaretti. Se riesce a tenere insieme meglio di altri tutto il mondo del centrosinistra, non posso che fargli un gigantesco in bocca al lupo”, ha proseguito Renzi.

“Penso che chi ha fatto la guerra a me ha distrutto il Pd e aperto le porte a Salvini”, ha proseguito l’ex premier, che già vede all’orizzonte un tramonto del governo giallo-verde.

A gravare sui programmi politici dei prossimi mesi del governo vi è l’urgenza di trovare 15 miliardi di errata previsione, più altri 25 entro dicembre

“Si preparano a un bagno di sangue”, prevede l’ex segretario sostenendo che il consenso del governo è destinato a fare la stessa fine di quello ai Cinque Stelle.

“Quando sono andato da Fazio a dire mai coi 5 stelle, l’effetto sul medio periodo è stato la distruzione dei 5 stelle. Se avessimo fatto quell’alleanza contro natura, l’effetto sarebbe stato la distruzione del Pd e la creazione di un bipolarismo 5 Stelle Lega”, ha detto Renzi.

“Mi sono preso gli insulti di una parte dei dirigenti che quell’accordo lo volevano: ma il mio impegno ha permesso di salvare il Pd”.

“Anche Salvini sta iniziando a saturare. Lei sa che in questo sono un esperto: ci ho messo tre anni a saturare la presenza politica. Il film è lo stesso”, prosegue Renzi.