Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Youtube stoppa i no-vax: bloccati i video contro le vaccinazioni

La piattaforma ha spiegato che tali contenuti non sono in linea con le sue policy

Immagine di copertina

La piattaforma YouTube ha deciso di prendere posizione contro chi mette in dubbio l’efficacia dei vaccini, mettendo al bando i video e le inserzioni pubblicitarie no vax.

L’annuncio è arrivato attraverso un comunicato a BuzzFeedNews. YouTube ha spiegato che tali contenuti non sono in linea con le policy della piattaforma, che vietano di trarre profitto da video che contengono materiale “pericoloso e dannoso”.

YouTube ha anche evidenziato nel suo comunicato come “i video promozionali contrari alle vaccinazioni rappresentino una violazione di queste politiche”.

La decisione di bloccare i video e le inserzioni no vax è stata presa dalla piattaforma dopo che alcune società hanno decido di ritirare le proprie pubblicità da YouTube perché erano accompagnate da filmanti che invitavano a non vaccinare i bambini.

Una delle prime aziende a tirarsi indietro e a costringere la piattaforma a prendere provvedimenti è stata la Vitacost, che produce vitamine, e che ha rinunciato alla pubblicità su YouTube dopo che i suoi spot sono stati associati a video no vax.

“Ci siamo imposti regole severe per impedire che i nostri annunci vengano corredati da contenuti sensibili, ma così non è stato”, ha affermato il portavoce dell’azienda.

“Continueremo a rimanere fuori dalla piattaforma fino a quando tali modifiche non saranno apportate”, ha aggiunto il portavoce, che chiede a YouTube mosse concrete per evitare che i prodotti della Vitacost possano essere di nuovo associati a video contro le vaccinazioni.

Anche la società di tecnologie sanitarie, Nomad Health, ha dichiarato che “non eravamo a conoscenza del fatto che le nostre pubblicità erano corredate da video anti-vaccinazione” e ha anche specificato che l’azienda “non supporta il movimento no vax”, aggiungendo che “agirà per impedire che una situazione simili si verifichi nuovamente in futuro”.

LEGGI ANCHE: Guarisce dalla leucemia, ma non può tornare a scuola: cinque compagni non sono vaccinati