Me

Oscar 2019, la premiazione non avrà un conduttore. Ecco perché

Immagine di copertina

OSCAR 2019 SENZA PRESENTATORE – Gli Oscar 2019 non avranno un conduttore. Secondo quanto riporta Variety, Kevin Hart ha deciso definitivamente di non tornare a condurre la 91esima edizione degli Oscar, e che l’Academy propenderà per una soluzione senza conduzione. Sì, avete letto bene: nessuno presenterà gli Oscar 2019.

> QUI TUTTO QUELLO CHE C’E’ DA SAPERE SUGLI OSCAR 2019

Niente premiazione. Assolutamente no: in passato è già capitato che alcune cerimonie non avessero un presentatore ufficiale e venissero condotte insieme da più attori o star, l’ultima volta nel 1987 quando Chevy Chase, Goldie Hawn e Paul Hogan condivisero il palco insieme.

Anche quest’anno, l’intenzione dell’Academy è quella di coinvolgere varie personalità del mondo dello spettacolo e farle intervenire durante la cerimonia con introduzioni, commenti e monologhi, preparando il tutto entro circa sei settimane.

Secondo Variety, non mancheranno esibizioni di Lady Gaga, Dolly Parton e Kendrick Lamar (tutti e tre dovrebbero ottenere una nomination per la miglior canzone).

Oscar 2019 senza presentatore | Ecco perché

L’ipotesi di fare a meno del presentatore era nell’aria da qualche settimana, da quando cioè è cominciato il tira e molla fra l’Academy e Kevin Hart. Cosa è successo? L’Academy decide di affidare la conduzione degli Oscar a Hart, ma – dopo poco – scoppiano diverse polemiche per i vecchi tweet omofobi del conduttore.

A quel punto viene chiesto a Hart di scusarsi pubblicamente ma lui risponde di averlo già fatto diverse volte, di essere ormai cambiato e di non voler “nutrire i troll” e sceglie di rinunciare all’incarico, confermando le scuse alla comunità LGBT.

Poi una svolta (momentanea): la popolarissima Ellen DeGeneres, dichiaratamente omosessuale, ospita Kavin Hart nella propria trasmissione e ribadisce il suo sostegno all’ipotesi che conduca l’edizione 2019 degli Oscar. Presa di posizione che rafforza Hart che a sua volta promette di pensarci seriamente. Alla fine però – stando a quanto svelato da Variety – la definitiva decisione di rinunciare all’incarico.