Me

Baby gang stupra e strangola una giovane mamma e dà il corpo in pasto agli animali selvatici

L'atroce delitto è avvenuto in una città della Russia

Immagine di copertina

In Russia, nella città di Millerovo, una donna di 28 anni, madre di due figli, è stata stuprata e uccisa da una baby gang di tre ragazzini, tutti tra i 14 e i 16 anni.

Anastasia Orlova, questo il nome della donna, stava tornando a casa dal lavoro quando è stata avvicinata dal gruppo di adolescenti. Dopo alcuni approcci, e in seguito al rifiuto opposto dalla donna, i tre ragazzini l’hanno bloccata abusando sessualmente di lei.

Poi, in preda alla follia, l’hanno strangolata con una cintura. Il corpo della vittima è stato abbandonato in un bosco e, a rendere ancora più macabro il tutto, è stato divorato da alcuni animali selvatici.

A denunciare la scomparsa era stato il marito della donna, un uomo di 29 anni. Dopo alcune ricerche, la polizia ha scoperto il cadavere nel bosco, coperto di neve. La faccia era sfigurata, e i piedi erano mozzati a causa dei morsi degli animali.

Gli inquirenti si sono messi subito sulle tracce degli aggressori, e grazie ad alcuni elementi presenti sulla scena del delitto sono risaliti ai tre ragazzini, subito arrestati.

I tre hanno confessato immediatamente il delitto. “Avevamo paura che ci potesse denunciare per lo stupro, per questo l’abbiamo uccisa”, ha detto uno di loro alla polizia.

I genitori dei ragazzi sono sotto shock. La madre di uno di loro ha riferito ai media locali che suo figlio “aveva un bel carattere”, che “stava uscendo con una ragazza a cui teneva molto”, e che nessuno in famiglia lo avrebbe mai immaginato capace di commettere un’azione del genere.

La zia di un altro dei carnefici ha detto di essere stata presente all’interrogatorio del nipote. “Stava piangendo disperatamente, era sinceramente pentito per il male fatto – ha riferito – non riusciva ancora a capacitarsi di quanto accaduto

Ora la gang dovrà affrontare un processo di fronte al tribunale dei minori.