Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Caso Marrazzo, quattro carabinieri condannati per tentato ricatto

L'allora governatore del Lazio era stato sorpreso nell'abitazione della transessuale Natali in via Gradoli il 3 luglio 2009

Immagine di copertina
Piero Marrazzo

I giudici della nona sezione penale del tribunale di Roma hanno condannato quattro carabinieri per aver cercato di ricattare Piero Marrazzo.

I carabinieri Nicola Testini e Carlo Tagliente devono scontare 10 anni di carcere, Luciano Simeone 6 anni e mezzo e Antonio Tamburrino 3 anni, oltre al pagamento di una multa di 50mila euro a testa.

L’allora governatore del Lazio era stato sorpreso nell’abitazione della transessuale Natali in via Gradoli il 3 luglio 2009.

I militari Testini, Simeone e Tagliente, che all’epoca lavoravano nell’area di Roma Nord, Cassia-Trionfale, sono stati assolti dall’accusa di associazione a delinquere perché il fatto non sussiste.

Il tribunale però ha ritenuti i tre carabinieri colpevoli di concorso in concussione ai danni di Marrazzo: secondo la ricostruzione dei giudici, hanno costretto l’ex governatore a consegnare loro tre assegni da 20mila euro, e si sono  impossessati di 5mila euro appartenenti a Marrazzo e al viado Natali.

I militari sono anche accusati di aver rubato un cellulare, l’Ipod e altri oggetti personali ad un altro trans il 31 luglio 2009 nel corso di una perquisizione in casa “effettuata con modalità intimidatorie”.

Inoltre, Testini e Tagliente sono stati condannati per aver indotto un loro informatore a procurarsi 6 grammi di cocaina e a lasciarla nell’auto di un’altra persona, del tutto inconsapevole, nell’agosto del 2004.

Il carabiniere Tamburrino è stato anche accusato di aver registrato un video con il proprio cellulare il giorno del blitz in via Gradoli in cui si vedeva Marrazzo in casa di una trans.

I militari avevano intenzione di diffondere il video a pagamento, così da guadagnare tra gli 80 e i 100mila euro.

La corta ha condannato Testini, Simeone, Tagliente e anche il ministero dell’Interno, in quanto responsabile civile, a risarcire i danni a Marrazzo e al trans Natali e i militari sono stati interdetti in perpetuo dai pubblici uffici e messi in stato di interdizione legale per la durata della pena.

Anche Tamburrino, che dovrà risarcire i danni in sede civile alle principali vittime, è stato interdetto dai pubblici uffici per cinque anni.