Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Somalia, attentato di al-Shabaab in un santuario: almeno 10 morti

Immagine di copertina
Immagine di repertorio

Almeno 10 persone sono morte in un attentato rivendicato dai miliziani jihadisti di al-Shabaad contro un santuario sufi nella città centro-settentrionale di Galkayoin, in Somalia.

Tra i morti, anche il leader religioso del santuario e alcuni dei suoi studenti.

I jihadisti hanno fatto esplodere un’auto nei pressi del centro religioso di Sheikh Abdiweli Ali Elmi Yare e hanno poi aperto il fuoco contro i presenti, secondo quanto riferito dalla polizia.

“I miliziani hanno ucciso 10 persone tra cui adolescenti e donne che vivevano all’interno del santuario”, ha riferito ai media internazionali Abdirahman Abdullahi, un agente di polizia.

“I combattimenti tra le forze di sicurezza e al-Shabab sono ancora in corso e il bilancio dei morti potrebbe aumentare”.

Secondo quanto spiegato dal portavoce della polizia, il leader religioso del santuario attaccato dai miliziani era stato accusato da al-Shabab di aver insultato il profeta Maometto nel corso delle sue lezioni sul Corano.

Secondo i miliziani, lo studioso si sarebbe riferito a se stesso come il “Profeta”, accusa che Abdiweli ha sempre negato.

“Non sappiamo ancora quante persone hanno perso la vita nell’attacco. Al-Shabab aveva minacciato molte volte lo studioso”, ha spiegato Abdirashid Hashi, il governatore della regione di Mudug in cui è avvenuto l’attacco.

Al-Shabab – Al-Shabab è un gruppo armato con sede in Somalia che combatte per rovesciare il governo somalo filo-occidentale appoggiato dalla comunità internazionale. I miliziani hanno condotto numerosi attacchi nel paese africano e in quelli vicini: il loro obiettivo è creare uno Stato retto dalla legge islamica.

Il gruppo in precedenza era riuscito a imporre il suo controllo sulla maggior parte della Somalia, ma dal 2010 il governo somalo ha riconquistato quasi tutto il paese.

Al momento, i miliziani controllano piccole sezioni della regione di Mudug.

Il gruppo conduce spesso attacchi anche in Kenya ed è stato inizialmente accusato di essere dietro il rapimento della volontaria italiana Silvia Romano, rapita in Kenya.