Me

Gio Evan, chi è l’autore della citazione che ha usato la Isoardi per lasciare Salvini

Le frasi più belle dell'artista tirato in ballo dalla conduttrice tv per lasciare il vicepremier

Tra Elisa Isoardi e Matteo Salvini è ufficialmente finita, e ad annunciarlo è la stessa conduttrice tv de “La prova del cuoco” con un post su Instagram.

“Non è quello che ci siamo dati a mancarmi, ma quello che avremmo dovuto darci ancora. Gio Evan. Con immenso rispetto dell’amore vero che c’è stato. Grazie Matteo”, scrive la Isoardi.

Le parole che utilizza Elisa Isoardi sono di Gio Evan – all’anagrafe Giovanni Giancaspro, scrittore e poeta classe 1988 – e una foto che la ritrae con il vicepresidente del Consiglio e ministro degli Interni in un momento di tenerezza.

Gio Evan chi è

Gio Evan all’anagrafe Giovanni Giancaspro, nasce il 21 aprile 1988 in Italia. È un artista poliedrico: scrittore e poeta, umorista, performer, cantautore e artista di strada.

Gio Evan frasi e poesie

– Ho smesso di leggerti negli occhi da quando non mi sottolinei più.

– Le persone sono temporali hanno dentro  un sacco di pioggia, pioggia che trattengono e diluviano. Le persone diluviano dentro e poi fanno i tuoni e ci sono i fulmini dentro le persone e dentro loro si formano enormi pozzanghere
dove è vietato saltarci sopra e a te questo non spaventa. Tu mi sorridi e mi dici che per ogni male c’è una cura e per ogni pioggia c’è un ombrello pronto a coprirci, pronto a evitare che i nostri capelli si arriccino di più.

– Le persone hanno la pioggia dentro e fingono di dare sole fingono che è tempo di andare al mare
quando invece i tuoni parlano chiaro e dicono che è ora di mettersi al riparo e a te questo non spaventa dici che l’immagine di una bella ragazza che danza sotto la pioggia è ancora l’icona di chi ha voglia di vivere davvero la vita.

– Le persone sono fatte di nuvoloni grigi, grandi e pesanti, ma tu hai questo potere di saper trattare con le nuvole
e sai addolcire il maltempo di tutti tu, misteriosa e piccola ragazza dai capelli sempre curati hai questo dono bellissimo di saper tirare fuori da ognuno una bellissima giornata.

– E ho conosciuto dei vattene via che volevano dire non te ne andare, resta.

– Mi piace sentirti dire ti amo quando non me lo dici.

– Il segreto è questo. Bisogna diventare le due “E”. Quella con l’accento, per essere e quella senza, per unire.

– Scegli chi ti resta accanto anche quando dai il peggio di te

> QUI LE PIÙ BELLE FRASI D’AMORE, DA CANZONI, LIBRI E FILM

Gio Evan biografia e libri

Durante gli anni che vanno dal 2007 al 2014 intraprende viaggi che lo porteranno in India, in tutta Europa e in tutto il Sud America, con l’aiuto di una bicicletta. Comincia a studiare e vivere accanto a maestri e sciamani del posto, dai quali riceverà iniziazioni sciamaniche e attivazioni al mondo vibrazionale e terapeutico. (In Argentina verrà battezzato come “Gio Evan” da un Hopi).

Grazie a queste esperienze imparerà le sue arti, creando così una personalità molto forte e complessa. Si avvicina al surrealismo (da lui definito “sopra al reale”) al nonsense, al gioco sacro, alla parola-terapia e al lavoro sull’anima tramite le potenze dell’arte.

Nel 2008 scrive il suo primo libro “Il florilegio passato” in India. Racconto che narra dei suoi viaggi, senza soldi né scarpe. Denota una forte ricerca spirituale e poetica visionaria mantenendo viva una sana comicità.

Nel 2012 e 2013 fonda “Le scarpe del vento”, progetto musicale dove scrive canta e suona la chitarra.
Pubblica indipendentemente il suo primo disco “Cranioterapia”, registrato in casa in qualità del tutto discutibile. Il genere è uno di quelli che non permette classificazioni. È un cantautorato onirico, accompagnato a tratti da armonie Blues.

Nel 2014 inizia due progetti per le strade francesi: “Gigantografie” e “Le poesie più piccole del mondo“.
Si tratta di attacchi poetici, un’esposizione artistica non autorizzata. Comincia a usare le città in cui si trova a passare come proprie mostre da visitare. Il progetto comincia a suscitare curiosità da parte di molti. Pubblica con Narcisuss il suo secondo libro e primo romanzo “La bella maniera”.

Campagna regione lazio

Nel 2015 scrive e dirige “OH ISSA – Salvo per un cielo”. L’opera narra di un ipotetico dopo apocalisse e dei pochi superstiti, personaggi che risulteranno fondamentali per la salvezza dell’autore. Intrecci di parole e filosofie allegre caratterizzano lo stile unico dello spettacolo.

Nello stesso anno pubblica con Narcisuss il suo terzo libro “Teorema di un salto” poesie ragionatissime metafisiche. Libro che suscita molto interesse da parte di critici e lettori.

Nel 2016 Miraggi Edizioni lo convince a firmare e a pubblicare il suo quarto libro “Passa a sorprendermi” confermandosi come poeta contemporaneo nella scena italiana. 

Nell’inverno stesso il successo dello spettacolo e le vendite del libro rendono Gio Evan il poeta contemporaneo vivente più seguito in Italia, successo che adocchia Rizzoli e che gli propone un contratto la quale non rifiuta. A fine 2016 viene firma con l’etichetta MarteLabel.

2017 esce il libro “Capita a volte che ti penso sempre” per Rizzoli, seguito dallo spettacolo teatrale “INOPIA – non perdermi sul serio”. E a finire esce “Piú in alto”, il primo singolo che battezza Gio a cantautore.

2018  esce “Ormai tra noi è tutto infinito” sempre edito da rizzoli. Esce “Biglietto di solo ritorno” doppio disco musicale diviso tra musica e poesia, E “Noncontrome” il primo Spettaconcerto al mondo. Musica, Poesia e Monologhi di filosofia comica.

Gio Evan Tour Concerti