Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Vittorio Feltri: “Forza Italia è finita, Berlusconi pure. Arcore è una camera mortuaria”

Immagine di copertina
Vittorio Feltri e Silvio Berlusconi

Nel suo editoriale di domenica 18 novembre su Libero, Vittorio Feltri si è soffermato sulla profonda crisi che ormai da tempo affligge Forza Italia, un partito incapace di riguadagnare terreno nei sondaggi e sempre più vicino all’irrilevanza politica, schiacciato dalla crescita impetuosa della Lega.

Feltri ha preso spunto dalla manifestazione pro-Tav organizzata dai forzisti a Torino sabato scorso.

“All’appuntamento sono arrivati quattro gatti spaesati e ha trionfato la desolazione di un partito ormai allo sbando e incapace di reggere la concorrenza degli ex alleati e degli avversari”, scrive Feltri.

“Il problema però non è tanto che la piazza fosse vuota: il rischio è che le urne alle prossime elezioni europee siano altrettanto vuote, come preannunciano in modo sinistro i sondaggi cari a Berlusconi”.

Per Feltri “Silvio ha fatto molti miracoli e non si può pretendere che ne compia altri, alla sua età. […] I cittadini si erano illusi che il Cavaliere fosse l’uomo giusto per realizzare la agognata rivoluzione liberale. Che invece non è mai neppure cominciata”.

“Indire un raduno nel capoluogo piemontese a cui aderiscono alcuni fedelissimi residuali mette tristezza e induce a pensare che prossimamente assisteremo a una cerimonia funebre, ovviamente mesta, protagonista la creatura ormai in coma del Berlusca”, è la riflessione amara di Feltri.

“Ci dispiace constatare che Arcore si stia trasformando in una camera mortuaria. […] Speriamo che il becchino Tajani si renda conto che è meglio andare a casa piuttosto che seppellire i propri generosi benefattori”.

Secondo gli ultimi sondaggi, Forza Italia è sotto il 10 per cento dei consensi, un dato peggiore persino rispetto a quello, molto deludente, fatto registrare alle elezioni politiche del 4 marzo.

Il partito di Berlusconi, nell’area di centrodestra, è ben 20 punti sotto alle Lega di Matteo Salvini.

Leggi anche: Vittorio Feltri: “Palio di Siena indecente, cavalli torturati. Va eliminato in nome della civiltà”