Me

Terremoto in Calabria, avvertite due scosse nella zona di Gioia Tauro: magnitudo 3.4 e 3.0

I dati INGV

Immagine di copertina
La mappa della scossa

Terremoto in Calabria 14 novembre 2018: le ultime news sulle scosse di oggi

Due scosse a distanza di pochi minuti in Calabria, avvertita nella zona di Gioia Tauro, Palmi e dintorni.

Ecco i dati ufficiali di INGV (Istituto nazionale di Geofisica e vulcanologia):

  • Un terremoto di magnitudo 3.0 è avvenuto nella zona: Costa Calabra sud occidentale (Catanzaro, Vibo Valentia, Reggio di Calabria), il
    14-11-2018 16:15:03 (UTC +01:00) ora italiana

con coordinate geografiche (lat, lon) 38.38, 15.75 ad una profondità di 11 km.

  • Un terremoto di magnitudo 3.4 è avvenuto nella zona: Costa Calabra sud occidentale (Catanzaro, Vibo Valentia, Reggio di Calabria), il
    14-11-2018 16:01:02 (UTC +01:00) ora italiana

con coordinate geografiche (lat, lon) 38.38, 15.74 ad una profondità di 11 km.

Terremoto cosa fare e cosa non fare

Dal vademecum della Protezione Civile:

Cosa fare durante un terremoto

  • Se sei in un luogo chiuso, mettiti sotto una trave, nel vano di una porta o vicino a una parete portante.
  • Stai attento alle cose che cadendo potrebbero colpirti (intonaco, controsoffitti, vetri, mobili, oggetti ecc.).
  • Fai attenzione all’uso delle scale: spesso sono poco resistenti e possono danneggiarsi.
  • Meglio evitare l’ascensore: si può bloccare.
  • Fai attenzione alle altre possibili conseguenze del terremoto: crollo di ponti, frane, perdite di gas ecc.
  • Se sei all’aperto, allontanati da edifici, alberi, lampioni, linee elettriche: potresti essere colpito da vasi, tegole e altri materiali che cadono.

Cosa fare dopo un terremoto

  • Assicurati dello stato di salute delle persone attorno a te e, se necessario, presta i primi soccorsi.
  • Esci con prudenza, indossando le scarpe: in strada potresti ferirti con vetri rotti.
  • Se sei in una zona a rischio maremoto, allontanati dalla spiaggia e raggiungi un posto elevato.
  • Raggiungi le aree di attesa previste dal Piano di protezione civile del tuo Comune.
  • Limita, per quanto possibile, l’uso del telefono anche cellulare.
  • Limita l’uso dell’auto per evitare di intralciare il passaggio veloce dei mezzi di soccorso.