Me

“Down e anziani mi fanno schifo, come i ragni”: le parole shock di Casalino, “Era un corso di recitazione” | VIDEO

Il portavoce di Palazzo Chigi, all'epoca appena uscito dal Grande Fratello, sta interpretando un personaggio paradossale ed estremista per un corso di recitazione

“Anziani, bambini e down mi danno fastidio, mi fanno schifo come i ragni”. Parola di Rocco Casalino, portavoce del presidente del Consiglio, che qualche anno fa, in una scuola, si rivolgeva così a degli studenti.

Stava solo recitando, secondo quanto ha riferito lui stesso. È un Casalino giovane, appena uscito dal Grande Fratello che in un’aula scolastica sta mettendo in atto una lezione di recitazione, utilizzando un linguaggio estremo.

Ma le cose non stanno affatto così. A raccontare a TPI la versione originale dei fatti è Enrico Fedocci, giornalista di Mediaset che spiega come sono andate le cose.

“Frequentavo il “Centro Teatro Attivo” di Milano – spiegava in una lettera sul Blog di Beppe Grillo nel 2014 – In un corso di recitazione si sviluppò lo studio dei personaggi e a me fu affidata l’interpretazione di un personaggio snob, classista, xenofobo e omofobo. Per questa interpretazione, dovevo usare un linguaggio paradossale ed estremista”.

Il video è stato ora ripubblicato su YouTube dal canale di satira ArcadeTV, in cui si vede il futuro portavoce del premier Giuseppe Conte seduto su una cattedra davanti a dei banchi, con dietro la classica lavagna nera, mentre si racconta.

“Non ci posso fare niente, è da sempre, da quando sono bambino, che a me i vecchi danno fastidio”, sono le prime parole di Casalino nel filmato.

“E tutti i ragazzi down mi danno fastidio: non ho nessuna voglia di aiutarli, relazionarmi a loro. Sono dei poveretti a cui è capitata questa cosa, ma non voglio occuparmene”.

Nel video si sentono i ragazzi in sottofondo a metà tra il sorpreso e il divertito, cercano di interrompere il neo portavoce del governo, mettere in crisi il suo discorso. E allora Casalino rincara la dose.

“Non so perché mi fanno schifo…anche i ragni. Provo imbarazzo, mi infastidisce, non voglio perderci tempo”.

“Non mi va di stare appresso ai vecchietti, ai bambini – non voglio fare bambini – non mi va di stare dietro a uno che è down e non capisce niente”, sottolinea Casalino, tenendo il conto con le dita delle ‘categorie’ che proprio non sopporta.

Non è la prima volta che il portavoce del governo viene sorpreso a pronunciare frasi imbarazzanti. Come quando uscì l’audio in cui diceva che “i poveri e gli immigrati puzzano“, allungando la lista di chi gli dà fastidio.

O quando dovette scusarsi con i parenti delle vittime di Genova per un audio in cui, a pochi giorni dal crollo del ponte Morandi, diceva che gli era “saltato Ferragosto, Santo Stefano, San Rocco e Santo Cristo“.