Me

Nadia Toffa risponde ai fan: “Sono gonfia come una luna piena per le cure, non sono guarita dal cancro”

"Non so se ce la farò", ha scritto sotto a un suo post su Instagram. La conduttrice de Le Iene ha detto di non poter ancora vedere "il bicchiere mezzo pieno"

Immagine di copertina
Credits: Nadia Toffa/Instagram

Sotto a uno degli ultimi post condiviso sul suo profilo Instagram, rispondendo ai fan, Nadia Toffa ha rivelato che sta continuando le terapie, ma che non può ancora vedere “il bicchiere mezzo pieno”. “Non è detto che vinca, ma non mollo“, ha scritto ai suoi followers.

La battaglia contro il cancro di Nadia Toffa è un argomento che la presentatrice affronta spesso sui suoi account social. Un modo per raccontare come stanno procedendo le terapie ai fan, che dal dicembre 2017 seguono con interesse e apprensione lo stato di salute della popolare “Iena”. Ma anche per stare vicino a chi sta affrontando lo stesso percorso.

Nel post di martedì 16 ottobre 2018, un suo follower le scriveva di aver ritirato le analisi e di sentirsi rassicurato dai risultati: “Almeno inizio a vedere il bicchiere mezzo pieno”.

Nella risposta, Toffa non ha nascosto il momento delicato che sta attraversando .”Sono felice per te. Io non posso dire lo stesso ma non mollo comunque”.

Ma non si è persa d’anima. “Non è detto che vinca, ma l’importante non è vincere ma mettercela tutta”, ha risposto a un altro commento.

Toffa ha poi scritto a un altro follower che sta continuando la terapia: “Continuo le cure. Infatti sono gonfia come una luna piena“.

Alla conduttrice era stato diagnosticato un tumore nel dicembre 2017. Fu operata e si sottopose a cicli di chemio e radioterapia preventive.

Nella puntata di Verissimo di sabato 13 ottobre 2018 ha raccontato che a marzo le analisi hanno mostrato una recidiva.

“Durante un controllo, è arrivata la brutta notizia. Il cancro era tornato e mi hanno operata nuovamente”.

“All’inizio mi chiedevo ‘perché proprio a me?’. Poi dopo mesi ho trasformato questa domanda in ‘perché non a me?’”.

Anche in quell’occasione aveva chiaramente detto di non essere sicura di riuscire a sconfiggere la malattia. “È il mio dolore e me lo devo portare. È una sfida che posso magari non vincere, ma devo combatterla mettendocela tutta”.