Me
Scontrini scomparsi dal sito, che fine hanno fatto i rimborsi degli M5S?
Condividi su:
rimborsi m5s sito

Scontrini scomparsi dal sito, che fine hanno fatto i rimborsi degli M5S?

Su tirendiconto.it le restituzioni degli eletti del Movimento 5 stelle risultano ferme da dicembre 2017

11 Ott. 2018
rimborsi m5s sito

Le restituzioni delle indennità degli eletti del Movimento 5 stelle sono ferme da dicembre 2017. o almeno è quanto risulta dal sito tirendiconto.it, dove parlamentari e consiglieri 5 Stelle devono caricare gli “scontrini” e che non è aggiornato ormai da 10 mesi.

Ad accorgersene è stato il quotidiano il Tempo, che è andato a verificare sul portale se i nuovi eletti stessero rispettando i precetti del Movimento. In realtà tutto il portale, salvo qualche eccezione, risulta fermo a dicembre, quando c’era ancora il governo Gentiloni e l’alleanza giallo-verde era ancora lontana.

A giugno 2018 il Comitato di garanzia, composto da Giancarlo Cancelleri, Vito Crimi e Roberta Lombardi ha approvato un nuovo regolamento “per il trattamento economico dei portavoce eletti nel Parlamento italiano, nel Parlamento europeo e nei consigli regionali”.

Secondo le nuove regole, le restituzioni avrebbero dovuto essere “forfettarie”: ogni parlamentare può tenere per sé 3 mila euro di indennità e altri 3 mila euro di rimborsi, che scendono a 2 mila per chi risiede a Roma. L’importo minimo da restituire è di 2 mila euro al mese.

I parlamentari devono poi pagare 300 euro mensile per la piattaforma Rousseau, mentre l’indennità percepita può essere al massimo di 3.250 euro.

Sottraendo dal totale ricevuto mensilmente la quota forfettaria, la quota Rousseau, l’indennità e l’importo minimo da restituire, ai parlamentari resterà una somma che devono “rendicontare puntualmente”.

Sul sito tirendiconto.it è però tutto fermo – o quasi – allo scorso dicembre. Sia per i parlamentari di oggi sia per gli “ex”.

Poiché non ci sono stati interventi disciplinari interni, è possibile che le rendicontazioni e le restituzioni siano state effettuate ma che non siano stati caricate sul portale. Il regolamento prevedeva due versamenti, uno di 3.500 e l’altro di 6.500 euro, per il periodo gennaio-marzo e per quello aprile-giugno

Anche se qualche eccezione c’è. Come Claudio Cominardi, attuale sottosegretario al Lavoro, che risulta abbia pagato fino a febbraio 2018, come la deputata Chiara Gagnarli.

Sono stati aggiornati invece i profili di alcuni consiglieri regionali, fino alla scorsa estate. Guardando bene però qualche eletto risulta indietro con i pagamenti di diversi mesi. Come Gennario Saiello (Campania), Andrea Bertani (Emilia-Romagna) e Romina Pergolesi (Marche), senza rendicontazione documentata da febbraio 2018.

Non risultano poi restituzioni dei 2 consiglieri del Lazio dall’inizio della legislatura, 7 mesi fa.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus