Me

Ostia, la minisindaca scrive a Zingaretti, ma sbaglia e convoca Montalbano

L'invito per il consiglio straordinario sul viadotto di Fiumicino è arrivato all'attore Luca Zingaretti anziché al presidente della Regione Lazio Nicola

Immagine di copertina

Il municipio X di Roma ha invitato il commissario Montalbano al consiglio di giovedì 11 ottobre 2018 sulla demolizione e ricostruzione del viadotto di Fiumicino. Non è uno scherzo, ma un errore degli uffici municipali, che nella convocazione dell’assemblea hanno scritto Luca Zingaretti, attore televisivo noto per il suo ruolo nella fiction Rai, anziché Nicola, suo fratello e presidente della Regione Lazio.

Il documento ufficiale è la convocazione del consiglio straordinario del municipio X di Roma, quello di Ostia guidato dalla minisindaca del Movimento 5 stelle Giuliana Di Pillo. All’ordine del giorno ci sono le “Notizie riguardanti imminente demolizione e ricostruzione a seguito di instabilità del viadotto di Fiumicino”, tema sollevato da quattro consiglieri 5 Stelle e che verrà affrontato in seduta pubblica.

Per l’esame dell’argomento sono stati chiamati i rappresentanti delle istituzioni regionali, del comune di Fiumicino, del trasporto urbano e di Aeroporti di Roma.

Ma il municipio ha inviato e protocollato l’invito allo Zingaretti ‘sbagliato’. “Sono invitati a partecipare: Onorevole Luca Zingaretti, presidente della Regione Lazio”, si legge nel documento. Una gaffe simile era capitata a fine settembre al ministero dello Sviluppo economico di Luigi Di Maio.

In quell’occasione venne convocato l’ex sindaco di Genova Marco Doria anziché l’attuale,  Marco Bucci, a un incontro per il rinovo degli ammortizzatori sociali per i lavoratori dello stabilimento ligure dell’Ilva.

Nel consiglio straordinario si discuterà della demolizione e della ricostruzione del viadotto di Fiumicino, un tratto di 400 metri di strada molto trafficata perché collega la città al suo aeroporto.

A inizio ottobre 2018 sono stati  annunciati i lavori sul viadotto ed entro metà novembre dovrà essere presentato un piano per la viabilità alternativa durante la fase dei cantieri. Intanto da fine settembre c’è già la restrizione a una carreggiata.