Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

La lettera del prof all’alunna vittima del ponte Morandi: “Voglio che tutti sappiano quanto valevi”

Il ricordo commovente dell'insegnante di Camilla Bellagio, 12 anni

Immagine di copertina
Il bigliettino scritto da Camilla e dai suoi compagni per il professore. Credit: Facebook/Roberto D'Ingiullo

Camilla Bellasio è una delle 43 vittime del crollo del ponte Morandi a Genova, avvenuto lo scorso 14 agosto. Aveva 12 anni e viveva a Pinerolo, in Piemonte, con la sua famiglia. Stavano andando in vacanza, Camilla e i suoi genitori, ma non sono mai arrivati a destinazione.

Il crollo del ponte ha spezzato le loro vite, portando sul fondo del Polcevera i sogni e la spensieratezza di una bambina di 12 anni.

Su Facebook è apparso un lungo post di Roberto D’Ingiullo. Lui era stato l’insegnante di Camilla alla scuola media Brignone di Pinerolo. La foto di un biglietto verde accompagna le parole dolci e strazianti dell’insegnante che ricordano la piccola alunna.

“Cercando un libro ho ritrovato questo. Il biglietto che mi avevi regalato con i tuoi compagni. Sei al centro della foto col tuo sorriso furbissimo e timidissimo. Accanto, la tua firma con un cuoricino. Ero venuto a salutarvi a giugno: ‘Prof, mi raccomando, torni da noi l’anno prossimo’. ‘Non so dove insegnerò. Speriamo’. ‘Non faccia scherzi. Ci vediamo a settembre’. Due mesi dopo ho letto il tuo nome tra le vittime del crollo del ponte. Mi ero rifiutato di crederci… Magari era un errore. E invece no”.

E continua ancora: “Ho scritto ai tuoi compagni pensando che potesse servire e sperando che servisse anche a me. Ho scritto che non può essere giusto che gli altri ti associno solo a quel ponte, spetta a loro ricordarsi e far conoscere agli altri quanto valessi e quanto fosse forte quello che condividete”.

“Ci provo anch’io con i miei nuovi allievi. Racconto di quando hai aiutato un ragazzo sfortunato con una frase e un sorriso che valgono più di centinaia di manuali sull’inclusione, l’integrazione e l’amicizia. Sorrido quando penso ai tuoi ‘Vada tranqui prof’ nei giorni prima dell’interrogazione”, scrive ancora il professore.

“Mi sono chiesto a cosa servisse ‘allenare le vostre menti’ se poi il destino sa essere così vigliacco. Ma poi rimaneva un sorriso a pensare a quanto sei speciale e a quanto è speciale quel gruppo. Ieri un mio alunno mi ha chiesto: ‘Prof, per favore, ci racconta qualcosa della sua allieva?’. Anche loro hanno capito che molto rimane e rimarrà. Ciao Camilla”.