Me
Decreto Salvini, Gad Lerner: “In Italia c’è una tendenza illiberale che risponde a ‘fascistoidi’ impulsi dal basso” | VIDEO
Condividi su:
gad lerner decreto salvini

Decreto Salvini, Gad Lerner: “In Italia c’è una tendenza illiberale che risponde a ‘fascistoidi’ impulsi dal basso” | VIDEO

Il giornalista è intervenuto in occasione della deposizione del primo monumento in Italia che ricorda la Shoa dei rom a Lanciano, in provincia di Chieti

05 Ott. 2018
gad lerner decreto salvini

“Questo decreto è un precedente. Introduce la fine delle garanzie minime, che sono il fondamento del nostro diritto. Mi riferisco, per esempio, alla presunzione di innocenza. Un decreto che oggi si applica agli stranieri ma che un domani si applicherà anche agli italiani”.

A parlare a TPI è il giornalista Gad Lerner, in occasione della deposizione del primo monumento in Italia che ricorda la Shoa dei rom a Lanciano, in provincia di Chieti.

“Credo”, sottolinea l’intellettuale, “che nell’interpretazione delle norme ci sia una tendenza illiberale che spesso risponde a pulsioni dal basso che, e non nascondo le parole, richiamano istinti ‘fascistoidi’”.

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha firmato il Decreto Sicurezza e Immigrazione giovedì 4 ottobre. Il Presidente, al contempo, ha inviato una lettera al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte in cui invita al rispetto degli obblighi previsti dalla Costituzione e dagli impegni internazionali, facendo riferimento al passaggio della Carta che riguarda i rifugiati e i profughi.

A intervenire sul Decreto Sicurezza e Immigrazione è stato anche Carlo Stasolla , il presidente dell’Associazione 21 luglio, che si batte per i diritti delle persone di etnia rom e per contrastare situazioni di discriminazione e marginalità sociale. A TPI ha sottolienato come il decreto sia incostituzionale e ha ribadito il progetto, nel caso in cui il dl sia approvato dal Parlamento, di portarlo davanti alle Corti.

“Andiamo incontro a una stretta securitaria, che porterà migliaia di persone in una condizione di illegalità e di marginalità. Aumenterà sempre più la percezione dell’invasione e dell’insicurezza”, ha commentato il presidente.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus