Me

Udine, il banchiere “Robin Hood”: rubò 1 milione ai ricchi per darlo ai poveri

Gilberto Baschiera, il direttore di banca che in 7 anni ha sottratto 775 mila euro ai clienti più facoltosi per darli a chi ne aveva bisogno

Immagine di copertina
La filiale di Forni di Sopra della Banca credito cooperativo di Carnia e Gemonese

Un ex responsabile di banca in Friuli-Venezia Giulia è stato condannato a due anni per aver sottratto quasi 1 milione di euro ai clienti più ricchi della filiale in cui lavorava per distribuirli ad altri clienti che ne avevano bisogno.

L’uomo, Gilberto Baschiera, 49 anni, è l’ex direttore della filiale di Forni di Sopra, della Banca credito cooperativo di Carnia e Gemonese in provincia di Udine

Dal 2009, per 7 anni, ha sottratto delle somme di denaro per ridistribuirle, una sorta di “ribellione al sistema che abbandona i pensionati con la minima e i giovani senza risorse”. Così Baschiera intendeva “fare giustizia”, attingendo dai risparmi dei più ricchi.

Come scrive il Corriere della Sera in 7 anni è arrivato a togliere 775mila euro “ai ricchi per darli ai poveri”. La procura di Udine gli ha contestato l’appropriazione indebita e la truffa, e Baschiera ha patteggiato due anni con pena sospesa con la condizionale.

Non è affatto pentito di quanto ha fatto. “Li avrei restituiti tutti quei soldi”, ha assicurato il banchiere che si è visto sequestrare la casa. “Dopo che la vicenda è venuta a galla ho telefonato a tutti quelli a cui avevo sottratto delle somme per spiegare cosa mi avesse spinto”.

Anche il suo avvocato ha spiegato il punto di vista dell’assistito: “Lo ha fatto per aiutare correntisti in difficoltà o che non riuscivano ad accedere al credito bancario”.

E Baschiera ha aggiunto: “Ho sempre pensato che oltre a tutelare i risparmiatori il nostro compito fosse soccorrere chi ha bisogno”.