Me

Salvini: “Sindaco di Riace arrestato, chissà cosa diranno adesso Saviano e tutti i buonisti”

Immagine di copertina

Il vicepremier e ministro dell’Interno Matteo Salvini ha commentato su Facebook l’arresto del sindaco di Riace Domenico, detto Mimmo, Lucano per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e presunte irregolarità nella gestione del servizio di raccolta dei rifiuti del Comune della provincia reggina.

“Accidenti, chissà cosa diranno adesso Saviano e tutti i buonisti che vorrebbero riempire l’Italia di immigrati! Io vado avanti. #portichiusi #cuoriaperti”, le parole del ministro.

Sindaco Riace Matteo Salvini

Il sindaco di Riace Domenico Lucano è stato arrestato per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina

Il sindaco di Riace, Domenico Lucano, è agli arresti domiciliari dall’alba di martedì 2 ottobre 2018. Lucano è accusato di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

L’indagine, coordinata dalla Procura di Locri, verte sulla gestione dei finanziamenti erogati dal ministero dell’Interno e dalla Prefettura di Reggio Calabria al Comune di Riace, per l’accoglienza dei rifugiati e dei richiedenti asilo politico.

Nell’ambito dell’operazione, denominata “Xenia”, è stato disposto anche il divieto di dimora per la compagna del sindaco, Tesfahun Lemlem, nell’ambito dell’operazione .

Domenico Lucano (chi è) era indagato dalla Procura di Locri per abuso d’ufficio, concussione e truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche in relazione alla gestione del sistema di accoglienza.

Insieme a lui era indagato anche Fernando Antonio Capone, presidente dell’associazione “Città Futura-don Pino Puglisi”.

Lucano è considerato un simbolo dell’accoglienza dei migranti. Per il suo rivoluzionario modello, che ha permesso al piccolo Comune calabrese di rinascere, il sindaco era stato inserito da Fortune nel 2006 tra i 50 uomini più influenti al mondo.

Ad agosto 2018 il primo cittadino aveva iniziato uno sciopero della fame contro il taglio dei fondi destinati ai progetti di accoglienza. In occasione del Riaceinfestival, aveva detto: “Riace è un messaggio pericoloso perché dimostra che l’accoglienza è possibile”.