Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Salvini a Napoli: la folla lo acclama, ma c’è anche la contestazione

Il ministro dell'Interno è stato accolto a Napoli dai suoi sostenitori da una parte e dal corteo dei centri sociali dall'altra

Immagine di copertina

Il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, si è recato in visita a Napoli il 2 ottobre per presiedere il Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica.

Una volta arrivato in città, il leader della Lega è stato accolto da un bagno di folla, tra applausi, strette di mano, saluti dai balconi e selfie dei suoi sostenitori.

Nella piazza del Plebiscito, che si trova di fronte alla prefettura, è stata issata anche una bandiere della Lega, oltre a striscioni dell’associazione “Marittimi” di Napoli: circa 300 persone attendevano il ministro dell’Interno per congratularsi con lui.

All’arrivo del vicepremier sono anche partiti i cori “Matteo Matteo”, oltre a “Un capitano, c’è solo un capitano”.

Non tutti i presenti hanno accolto con lo stesso entusiasmo l’arrivo a Napoli del ministro dell’Interno: alle spalle della prefettura, all’ingresso di piazzetta Carolina, si è radunato i corteo dei centri sociali, arrivati per protestare contro il ministro dell’Interno.

In alcune strade di Napoli sono anche apparsi diversi manifesti che ricordano le frasi di Salvini e della Lega in generale contro Napoli e il Sud Italia.

Nel suo intervento in Prefettura, il ministro ha anche fornito la sua opinione sui campi rom.

“L’obiettivo è campi rom zero, come in tutta Europa. Il problema non sono i rom; su 160mila rom quelli che vivono nei campi sono una minima percentuale, circa il 20 per cento, perché gli altri vivono in una casa, pagano mutuo o affitto e pagano le tasse. Quelli che hanno diritto a un’abitazione sostitutiva la avranno. Diritti a chi ha diritti e pugno di ferro a chi non ne ha”.

Salvini ha anche rinnovato il suo impegno alla lotta contro la criminalità: “L’impegno è portare almeno 100 uomini delle forze dell’ordine in più a Napoli entro la fine dell’anno. L’ obiettivo finale è deportare e cancellare la camorra, far sentire a ogni singolo camorrista lo schifo che è.

“Su Riace chiedete a Saviano, alla Boldrini, ai campioni dell’immigrazione fuori controllo un commento”, ha poi affermato il ministro, riferendosi all’arresto del sindaco di Riace, Domenico Lucano.

“Io vado avanti chiudendo i porti, facendo risparmiare agli italiani e agli immigrati regolari e perbene un sacco di soldi e di tempo. Verrò personalmente a fare gli sgomberi: ho chiesto di darmi un quartiere per partire con la bonifica, suoneremo campanello per campanello e prenderemo chi occupa abusivamente case”.