Me
“Parcheggiavano per dispetto la loro auto davanti a casa mia”, uomo spara e uccide tre vicini a Lecce
Condividi su:
sparatoria lecce vicini

“Parcheggiavano per dispetto la loro auto davanti a casa mia”, uomo spara e uccide tre vicini a Lecce

Padre e figlio sono rimasti uccisi insieme alla zia del ragazzo. Ferita la madre, che non è in pericolo di vita

29 Set. 2018
sparatoria lecce vicini

Un uomo di 57 anni è stato fermato in provincia di Lecce per aver sparato e ucciso a tre persone, ferendone una quarta. Secondo la ricostruzione dei carabinieri, l’uomo avrebbe fatto fuoco dopo una banale lite per un parcheggio. sparatoria lecce vicini

Roberto Pappadà ha aperto il fuoco con una pistola 357 Magnum a Cursi, nel sud del Salento, e precisamente in via Tevere, nei pressi della sua abitazione.

A morire sul colpo sono stati Franco e Andrea Marti, padre e figlio, rispettivamente di 63 e 36 anni, mentre la zia di Andrea, Maria Assunta Quarta, di 52 anni, rimasta gravemente ferita, e’ deceduta all’ospedale “Panico” di Tricase, dove era stata condotta da un’ambulanza del 118.

La madre del giovane assassinato, Fernanda Quarta, di 60 anni, è attualmente ricoverata nello stesso ospedale con una prognosi di 15 giorni e non corre pericolo di vita.

Poco dopo la sparatoria Pappadà è stato fermato dai carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile di Maglie. Non ha opposto alcuna resistenza.

Sentito in caserma, l’uomo, che vive con una sorella disabile, è stato accompagnato nel carcere di Borgo San Nicola, a Lecce.

I colpi d’arma da fuoco hanno attirato sul posto diverse persone che abitano nelle vicinanze.

In base a quanto si è appreso, tra Roberto Pappadà e la famiglia Marti vi erano da tempo rapporti tesi per banali questioni di vicinato.

Nella notte l’autore della sparatoria avrebbe confessato davanti al magistrato di turno Donatina Buffelli:  “Me lo facevano apposta a parcheggiare le loro auto davanti casa mia. Ho sbagliato, non voglio essere difeso, pagherò, ma dovevo mettere fine a questa storia”.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus