Me
Spotify sta creando una playlist in base al DNA delle persone
Condividi su:
spotify dna
Credit: AFP

Spotify sta creando una playlist in base al DNA delle persone

La piattaforma di streaming sta collaborando con l'azienda Ancestry per suggerire canzoni in base alla culture di provenienza dei tuoi antenati

25 Set. 2018
spotify dna
Credit: AFP

La piattaforma di streaming musicale Spotify sta creando playlist che si basano sul DNA delle persone.

Grazie alla collaborazione con Ancestry, il sito web più grande al mondo per cercare i propri antenati, Spotify sarà in grado di suggerire canzoni basate sulle culture di provenienza degli individui.

Ancestry ha condotto uno studio insieme alla piattaforma musicale. “È molto più di una semplice statistica o di alcuni dati”, ha dichiarato Vineet Mehra, il vicepresidente esecutivo e direttore marketing di Ancestry. “Come possiamo aiutare le persone a conoscere la loro cultura e non solo a leggerla? La musica ci sembrava un modo innovativo per farlo”.

Nel generatore di playlist personalizzate di Spotify e Ancestry, puoi inserire le diverse etnie e regioni che formano il tuo patrimonio in base ai risultati del test AncestryDNA. Il generatore selezionerà quindi una serie di tracce che riflettono le culture da cui provengono i tuoi antenati.

Questa nuova funzione “incoraggerà il pubblico a ricercare la colonna sonora della propria eredità”, ha detto a Quartz Danielle Lee, responsabile globale dei partner di Spotify.

Spotify

Spotify è la piattaforma di streaming musicale più utilizzata nel mondo, con 160 milioni di utenti attivi, tra abbonati e non. Il servizio, infatti, offre due versioni dell’applicazione, una “free” e una “premium”.

Ma in commercio esistono diverse applicazioni che includono la possibilità di creare una playlist di brani preferiti, sceglierne la riproduzione, saltare la pubblicità senza interrompere l’ascolto della musica, senza dover pagare alcun abbonamento e soprattutto senza dovere consumare la connessione dati dello smartphone.

Ecco cinque applicazioni di streaming musicale gratuite che fungono da alternative a Spotify: 5 app musicali come Spotify ma gratis.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus