Me
Presidenza Rai, dal Cda il nuovo via libera a Marcello Foa
Condividi su:
foa rai

Presidenza Rai, dal Cda il nuovo via libera a Marcello Foa

Anche questa volta via libera a maggioranza da parte del Cda di viale Mazzini: quattro sì, un voto contrario e un astenuto

21 Set. 2018
foa rai

Marcello Foa è stato rieletto presidente della Rai. Anche questa volta via libera a maggioranza da parte del Cda di viale Mazzini: quattro sì, un voto contrario e un astenuto.

A favore hanno votato i consiglieri Beatrice Coletti, Igor De Biasio, Gianpaolo Rossi e Fabrizio Salini, che è anche amministratore delegato del Gruppo Rai. Contraria Rita Borioni, astenuto Riccardo Laganà.

Foa non ha partecipato alla votazione.

In pratica si è ripetuto quanto avvenuto in occasione della prima tornata di votazione, un paio di mesi fa.

Adesso la parola definitiva torna alla commissione di Vigilanza, il cui parere favorevole con i due terzi dei componenti (quindi almeno 26 commissari) è vincolante.

Il ministro dell’Interno Matteo Salvini si è detto contento dell’esito del voto. “Sono contento e non vedo l’ora che tutti lavorino al 100 per cento. Presentiamo di solito persone di spessore, non amici degli amici”, ha detto il leader della Lega rispondendo a chi gli chiedeva se temesse un nuovo stop da parte della Vigilanza.

Nella prima occasione non si arrivò a 26, mancarono i voti di Forza Italia. Voti che questa volta dovrebbero invece esserci, visto l’accordo trovato nel centrodestra con il vertice ad Arcore tra Berlusconi e Salvini e ieri, giovedì 20 settembre,  anche su altri temi, tra FI, Lega e Fratelli d’Italia.

La Vigilanza divrebbe riunirsi martedì 25 ottobre e audire Foa prima di procedere alla votazione.

Nato a Milano, laureato in Scienze politiche all’Università degli studi di Milano, Foa ha iniziato la sua carriera in Svizzera, lavorando negli anni Ottanta alla Gazzetta Ticinese e al Giornale del Popolo, due quotidiani di Lugano.

Nel 1989, dopo aver vinto il premio per la miglior prova scritta all’esame dell’Ordine dei giornalisti, è stato assunto a Il Giornale, diretto allora da Indro Montanelli, dove è stato impiegato alla sezione esteri.

Nel corso degli anni ha seguito, tra le altre cose, il processo di unificazione delle due Germanie e l’entrata nell’euro dell’Italia e ha tenuto corsi di giornalismo internazionale al master di giornalismo dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano

Foa è rimasto a Il Giornale fino al 2011, quando è stato nominato direttore generale del gruppo svizzero Timedia Holding e del quotidiano Corriere del Ticino, il più importante e più antico quotidiano della Svizzera Italiana. L’anno successivo ne è diventato amministratore delegato.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus