Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Palermo, 90enne malato terminale viene sfrattato dai parenti: portato via in barella

Immagine di copertina

Un anziano di 90 anni, di nome Mariano, è stato sfrattato in queste ore dalla sua abitazione di Partanna Mondello, in provincia di Palermo, dove aveva vissuto per oltre 60 anni.

Lo sfratto è avvenuto nonostante nonno Mariano sia gravemente malato e sia stato costretto a lasciare la casa trasportato su una barella.

Già da qualche tempo era statao reso esecutivo il pignoramento dell’abitazione: a fare causa a Mariano erano stati alcuni parenti per 20mila euro di spese legali non pagati dall’anziano, un debito contratto in alcuni anni di cause civili intercorse tra Mariano e quegli stessi parenti.

L’anziano, impossibilitato a pagare, ha quindi avuto la casa pignorata ed è stato trasferito in una struttura per anziani.

La scorsa settimana lo sfratto era stato rinviato dopo che i medici avevano accertato un peggioramento delle condizioni di salute dell’uomo.

Dopo qualche giorno, però, Mariano ha dovuto fare le valigie.

Al momento del trasferimento, una folla di amici e sostenitori di nonno Mariano si è radunata fuori dall’abitazione per protestare.

Anche la figlia ha attaccato i parenti per il loro comportamento: “Avevamo proposto una rateizzazione di quel debito da 20mila euro, ma la soluzione è stata rifiutata”, ha detto.

“Quanto successo è disumano – ha aggiunto – mio padre voleva solo morire a casa sua, era l’unico desiderio che gli era rimasto. Era un malato terminale, non meritava questa crudeltà”.