Me
Medico comunica il decesso di un paziente: i parenti picchiano lui e gli infermieri
Condividi su:
Medico picchiato crotone

Medico comunica il decesso di un paziente: i parenti picchiano lui e gli infermieri

05 Ago. 2018
Medico picchiato crotone

Un medico è stato picchiato dopo aver comunicato il decesso di un paziente. L’assurda storia arriva da Crotone dove un anestesista in servizio nel reparto Rianimazione dell’ospedale civile San Giovanni di Dio è stato malmenato dopo aver comunicato il decesso di un trentatreenne di Rosarno (Reggio Calabria), ai familiari, che lo hanno colpito scagliandosi anche contro gli infermieri accorsi.

Sul posto sono quindi intervenuti gli agenti della Polizia di Stato che hanno denunciato, in stato di libertà, due donne con l’accusa di lesioni in concorso, danneggiamento ed interruzione di pubblico servizio.

Botte che hanno costretto il medico a sottoporsi a dei controlli da parte dei colleghi dell’ospedale. L’uomo è stato quindi ricoverato nel reparto di Chirurgia dell’ospedale per un trauma cranico e addominale.

Una vicenda su cui è intervenuto, con una nota, l’Ordine dei medici della provincia di Crotone che ha condannato “il grave ed ingiustificabile gesto di aggressione multipla a carico degli operatori sanitari, medici e non, seppur consapevole del particolare stato d’animo e del dolore che investono i famigliari nel momento della decesso di un congiunto”.

“Questo ennesimo episodio di violenza nei confronti di chi si è adoperato al massimo per prestare la migliore assistenza al giovane paziente che versava in particolari e già comunicate condizioni di acclarata criticità, pre-esistenti all’atto del ricovero – è detto ancora nel comunicato – si ascrive, purtroppo nell’ampio fenomeno di aggressioni nel settore sanitario che in Italia, ad oggi, conta circa tremila episodi all’anno, stando ai soli casi denunciati”.i

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus