Me

A Palermo un pitbull ha staccato a morsi il braccio di una ragazza

Il cane apparteneva al convivente della giovane. Inutili i soccorsi e l'intervento chirurgico: la ragazza ha perso l'uso del braccio

Immagine di copertina

A Palermo, una ragazza ha perso l’uso del braccio dopo che un pitbull l’ha aggredita prendendola a morsi.

I fatti si sono svolti in un’abitazione di via Agnetta, a Villagrazia. La ragazza aggredita ha 23 anni, e il cane appartiene al suo convivente.

Secondo quanto è stato possibile ricostruire, il pitbull si è avventato sulla giovane senza motivi apparenti, avvinghiandosi al suo braccio e iniziando a morderlo violentemente. La ragazza ha provato a liberarsi, ma il cane le ha strappato pezzi del braccio, tanto che i carabinieri, una volta giunti sul posto, hanno dovuto recuperare brandelli dell’arto.

Anche la madre, intervenuta per difendere la figlia, è stata ferita e ha riportato 20 punti si sutura. Molto peggio è andata a sua figlia, che è stata sottoposta a un intervento di ben 5 ore all’ospedale Civico di Palermo.

I medici, purtroppo, non sono riusciti a riattaccarle il braccio.

La ragazza, una volta aggredita, ha iniziato a urlare per attrarre l’attenzione dei vicini, alcuni dei quali hanno evidenziato un presunto ritardo nei soccorsi.

“Noi tiravamo pietre, pezzi di legno, ma il cane nel giardino non la lasciava – ha raccontato uno dei vicini – e ho chiamato per cinque volte al 118. Dalle telefonate risultano 16 minuti di silenzio dalla prima telefonata. Poi quando è arrivata la polizia e ha chiamato il 118, l’ambulanza è arrivata subito”.

Il pitbull è stato portato dalla polizia munucipale in un canile, e molto probabilmente sarà abbattuto.

La madre della giovane si è lamentata poiché, a suo parere, la polizia si sarebbe rifiutata di sparare al cane una volta giunta sul posto. Secondo gli agenti, però, al momento del loro arrivo l’aggressione si era già consumata, e il pitbull era ormai inoffensivo.

Il cane era stato adottato dalla famiglia aggredita quando era piccolo e viveva per strada. “Lo abbiamo vaccinato, accudito e adesso vogliamo che venga ucciso”, ha detto la madre della ragazza aggredita.