Me

Sammy Basso, il ragazzo affetto da progeria, si è laureato in Scienze Naturali

Ha conseguito la laurea con lode presso l'Università di Padova. L'Ateneo: "è simbolo e promotore della ricerca scientifica"

Immagine di copertina
Sammy Basso. Credit: Facebook

Il sogno da bambino era diventare un ricercatore. Ora è arrivata la laurea con lode in Scienze Naturali, indirizzo Biologico Molecolare. Sammy Basso, 23enne affetto da progeria, rara malattia genetica nota come “sindrome da invecchiamento precoce”, ha indossato la corona d’alloro nell’Università di Padova. A dare l’annuncio è stato l’Ateneo, che si è complimentato con lo studente pubblicando un post su Twitter.

L’università in questi anni aveva attivato una collaborazione tra l’ufficio disabilità, il personale docente e tecnico per rendere possibile il percorso di Sammy, da sempre attivo nella promozione della ricerca sulla sua malattia grazie all’Associazione Italiana Progeria Sammy Basso (A.I.Pro.Sa.B.), fondata nel 2005 dai suoi genitori con l’obiettivo di incentivare gli studi sulla sindrome e raccogliere fondi.

Alla discussione della tesi, hanno preso parte anche la prorettrice alla Didattica Daniela Mapelli, la delegata in Materia di Inclusione e Disabilità Laura Nota e il co-tutor Carlos Lopez Otin dell’Instituto Universitario de Oncologia di Oviedo, in Spagna, presso il quale Sammy ha studiato in Erasmus.

“Ricordiamo come fosse ieri il momento”, hanno scritto i genitori. “Sammy giocava in un angolo della stanza adibito ad area-gioco, noi seduti di fronte ai medici di genetica dell’Ospedale. Subito chiedemmo alquanto turbati chiarimenti in merito. Ci venne spiegato allora che la malattia era conosciuta anche come ‘Sindrome da invecchiamento precoce’, che con il passare degli anni avrebbe manifestato i problemi tipici degli anziani, che la vita media di nostro figlio era di 13 anni e mezzo, che non c’erano cure e nemmeno ricerche”.

A raccontare la sua malattia, vissuta come una risorsa e mai come una condanna, è stato lo stesso Basso in più di un’occasione. Dopo la maturità scientifica, era partito per un viaggio attraverso gli Stati Uniti insieme alla famiglia e il racconto delle giornate on the road era diventato un documentario per il canale di National Geographic. “Non ho un grande coraggio, ho la mia famiglia e i miei amici che mi vogliono bene”, aveva detto sul palco di Sanremo nel 2015, invitato dal conduttore Carlo Conti.

“Sono un ragazzo fortunato, posso dedicarmi alle cose che più mi interessano e ho dei genitori che mi hanno insegnato ad andare avanti con fermezza, anche quando tutti farebbero un passo indietro. Io sono grato alla progeria. Non la vivo come una condanna, né tantomeno come una punizione divina, non cambierei una virgola della mia vita e so anche perché: perché ho avuto la forza di prenderla per quella che è e renderla unica”, aveva scritto su Facebook.

La progeria, o Sindrome di Hutchinson-Gilford, è una malattia genetica rarissima caratterizzata dalla comparsa di un invecchiamento precoce e colpisce un bambino ogni 4-8 milioni di nati. Come riportato sul sito dell’associazione italiana progeria, nel mondo ne sono affetti circa settanta bambini. In Italia, i casi sono cinque.