Me
La maledizione della petroliera Haven colpisce ancora: donna sub dispersa durante immersione sul relitto
Condividi su:
Petroliera Haven donna sub dispersa
Sub in immersione

La maledizione della petroliera Haven colpisce ancora: donna sub dispersa durante immersione sul relitto

09 Lug. 2018
Petroliera Haven donna sub dispersa
Sub in immersione

La maledizione della petroliera Haven ha colpito ancora: Ornella Bellagarda, subacquea 50enne di Alpignano (Torino), è stata dichiarata dispersa.

La donna, volontaria della Croce Verde, domenica non è riemersa al termine di una immersione sul relitto della nave affondata l’11 aprile 1991 al largo della costa di Arenzano (Liguria) con cinque vittime e migliaia di tonnellate di petrolio disperso in mare.

I compagni di immersione, non vedendola tornare in superficie, hanno dato l’allarme. Sul posto stanno lavorando gli uomini della capitaneria di porto e i vigili del fuoco. Allertati anche i medici del 118 e i sommozzatori dei vigili del fuoco di Milano.

Gli uomini della capitaneria di porto, i carabinieri e i pompieri si stanno dando il cambio per perlustrare la zona a una profondità che tocca i 50 metri.

Per aiutare le ricerche, sempre da Milano, è in arrivo il Rov, un robot sottomarino che permette di perlustrare anche gli anfratti meno raggiungibili. Inoltre la zona è intervenuto l’elicottero dei vigili del fuoco per una perlustrazione aerea.

Ricerche poi interrotte durante la notte e riprese all’alba.

Un relitto visitato da diversi sub e su cui aleggia una “maledizione”. Complessivamente, dal 2015 ad oggi, le persone colte da malore e salvate durante le immersioni sul relitto della petroliera, sono state sette, mentre i morti sono stati sei.

Il 5 aprile 2015 era morto uno svizzero di 35 anni. Il 16 maggio dello stesso anno a perdere la vita erano stati due olandesi di 46 e 53 anni.

Il 16 ottobre del 2015 fu fatale l’immersione a un tedesco di 60 anni. Il 13 maggio del 2017 era morta invece una guida svizzera e il 26 ottobre dello stesso anno toccò a un lombardo di 52 anni.

Insomma, un relitto maledetto.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus