Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

La maledizione della petroliera Haven colpisce ancora: donna sub dispersa durante immersione sul relitto

Immagine di copertina
Sub in immersione

La maledizione della petroliera Haven ha colpito ancora: Ornella Bellagarda, subacquea 50enne di Alpignano (Torino), è stata dichiarata dispersa.

La donna, volontaria della Croce Verde, domenica non è riemersa al termine di una immersione sul relitto della nave affondata l’11 aprile 1991 al largo della costa di Arenzano (Liguria) con cinque vittime e migliaia di tonnellate di petrolio disperso in mare.

I compagni di immersione, non vedendola tornare in superficie, hanno dato l’allarme. Sul posto stanno lavorando gli uomini della capitaneria di porto e i vigili del fuoco. Allertati anche i medici del 118 e i sommozzatori dei vigili del fuoco di Milano.

Gli uomini della capitaneria di porto, i carabinieri e i pompieri si stanno dando il cambio per perlustrare la zona a una profondità che tocca i 50 metri.

Per aiutare le ricerche, sempre da Milano, è in arrivo il Rov, un robot sottomarino che permette di perlustrare anche gli anfratti meno raggiungibili. Inoltre la zona è intervenuto l’elicottero dei vigili del fuoco per una perlustrazione aerea.

Ricerche poi interrotte durante la notte e riprese all’alba.

Un relitto visitato da diversi sub e su cui aleggia una “maledizione”. Complessivamente, dal 2015 ad oggi, le persone colte da malore e salvate durante le immersioni sul relitto della petroliera, sono state sette, mentre i morti sono stati sei.

Il 5 aprile 2015 era morto uno svizzero di 35 anni. Il 16 maggio dello stesso anno a perdere la vita erano stati due olandesi di 46 e 53 anni.

Il 16 ottobre del 2015 fu fatale l’immersione a un tedesco di 60 anni. Il 13 maggio del 2017 era morta invece una guida svizzera e il 26 ottobre dello stesso anno toccò a un lombardo di 52 anni.

Insomma, un relitto maledetto.