Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Governo, Vittorio Sgarbi parla alla Camera: “Dove c’è disordine e ignoranza io prospero e quindi voterò la fiducia al governo”

Oggi il premier Conte ha parlato alla Camera. Subito dopo, la parola è passata ai deputati che hanno espressole loro osservazioni e rese note loro intenzioni di voto

Immagine di copertina
Vittorio Sgarbi

Alla Camera è in corso il voto di fiducia per il governo Conte.

Dopo il discorso del premier, la parola è passata ai deputati che hanno espresso le loro osservazioni e rese note loro intenzioni di voto.

Il premier Conte è intervenuto conclusione del dibattito: “Questo governo ha l’ardire di voler promuovere nuove politiche economiche. Sulla riduzione del debito siamo per negoziare anche a livello europeo, volendo esprimere un indirizzo politico, avendo la fermezza per essere ascoltati dai nostri partner”.

In Aula è scoppiato il caos quando il premier ha parlato di conflitto di interessi. “Ognuno ha il suo conflitto di interessi e le vostre interruzioni al mio discorso lo dimostrano”, ha detto il premier. L’affermazione ha scatenato le grida di protesta dei deputati del Pd. Duro scontro tra il deputato dem Emanuele Fiano e il presidente della Camera, Roberto Fico.

A prendere la parola è stato anche il critico d’arte, Vittorio Sgarbi, esponente di Forza Italia.

“Dove c’è il disordine e ignoranza io prospero e quindi voterò la fiducia al governo”.

“Lei è un vicepremier di due vicepremier, non è stato incaricato da Mattarella, ma da Di Maio. E Salvini ha avuto l’incarico da Berlusconi”, ha detto Sgarbi, rivolgendosi a Giuseppe Conte.

“Conte è stato incaricato da Di Maio e Salvini, che a sua volta è stato incaricato da Berlusconi”.

“Si può dire che Salvini è un Bersani riuscito.Voglio vedere quante persone del Movimento 5 Stelle voteranno il programma contenuto nel discorso estremista di Molteni (della Lega, ndr): e allora io voterò la fiducia, la voterò pienamente per assistere al vostro declino“, ha concluso Vittorio Sgarbi, riferendosi ai cinquestelle.

Il video:

 

Non venga qui a darci lezioni. Ci faccia un piacere, riprenda il programma e lo riscriva di suo pugno, perché è Lei il presidente del Consiglio. Riprenda la lista dei ministri e la riscriva di suo pugno, perché è Lei il presidente del Consiglio. Il nostro augurio è che non faccia il pupazzo nelle mani dei partiti”, ha commentato Graziano Delrio parlando alla Camera, rivolgendosi al presidente del Consiglio Conte.