Me
Gli scarpini di Salah esposti al British Museum
Condividi su:
Salah scarpini museo
Gli scarpini di Salah esposti al British Museum

Gli scarpini di Salah esposti al British Museum

Annuncio dato dal museo su Twitter. Tanti i commenti entusiastici, ma c'è anche chi non ha gradito...

17 Mag. 2018
Salah scarpini museo
Gli scarpini di Salah esposti al British Museum

Mohamed Salah è sempre di più un’icona. L’ex attaccante di Roma e Fiorentina, ora al Liverpool, con le sue fantastiche prestazioni in Premier League e Champions League ha attirato gli occhi del mondo su di se.

Il British Museum di Londra, uno dei più grandi ed importanti musei al mondo, ha infatti annunciato che esporrà gli scarpini del calciatore egiziano. Gli scarpini (marca Adidas) saranno in mostra insieme ai reperti egizi del museo in vista della finale di Champions League del 26 maggio, in cui giocheranno il Liverpool e il Real Madrid.

A dare l’annuncio della scelta di esporre gli scarpini è stato ovviamente il museo. Come? Tramite Twitter. “Abbiamo fatto una nuova entusiasmante acquisizione”, il tweet.

Pochi istanti dopo sono iniziati ad arrivare i commenti entusiastici dei fan del capocannoniere della Premier. Qualcuno ha poi suggerito un ritorno in ‘patria’ dei reperti una volta finita l’esposizione, paragonando ‘Momo’ a un faraone.

Ma c’è anche chi, invece, ha reagito in maniera scettica, giudicando bizzarra la scelta dei curatori del museo. Critiche a cui l’egittologo Neal Spencer ha risposto così: “Gli scarpini raccontano la storia di una moderna icona egiziana che nel Regno Unito ha raggiunto un impatto veramente globale. Così stiamo realizzando il nostro recente progetto: acquisire oggetti per raccontare la quotidianità del ventesimo e del ventunesimo secolo in Egitto”.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus