Me

Primo maggio 2018: le manifestazioni per la festa dei lavoratori

Si terrà a Prato il corteo dei lavoratori organizzato dai sindacati, con il comizio dei tre leader di Cgil, Cisl e Uil, Susanna Camusso, Annamaria Furlan e Carmelo Barbagallo. Tutti gli appuntamenti

Immagine di copertina
Si terrà a Prato il corteo dei lavoratori 2018, organizzato dai sindacati, con il comizio dei tre leader di Cgil, Cisl e Uil, Susanna Camusso, Annamaria Furlan e Carmelo Barbagallo.

Il 1 maggio 2018, la festa del lavoro, è caratterizzato da numerose manifestazioni ed eventi. Tra questi non può mancare il corteo dei lavoratori organizzato dai sindacati, e il comizio dei tre leader di Cgil, Cisl e Uil, Susanna Camusso, Annamaria Furlan e Carmelo Barbagallo. Quest’anno si terrà a Prato, in Toscana, e il tema centrale sarà la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro.

Qui abbiamo spiegato perché si festeggia il primo maggio, la festa del lavoro in numerosi paesi del mondo.

I tre sindacati hanno spiegato di aver scelto la città di Prato perché “rappresenta un’importante e simbolica realtà industriale dove il tema della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro è fortemente sentito”.

L’appuntamento è alle ore 10.00, in Piazza Mercatale a Prato, dove partirà il corteo che percorrerà Via San Silvestro, Piazza San Marco, Via Piave, Piazza delle Carceri, Piazza San Francesco, Via Ricasoli, Via Cesare Guasti e Via L. Muzzi.

L’arrivo è in Piazza del Duomo dove, a partire dalle ore 12.00, si terrà il comizio conclusivo dei tre segretari generali di Cgil, Cisl e Uil.

“Sicurezza: il cuore del lavoro”, è lo slogan scelto per quest’anno.

Prima della manifestazione, i segretari generali si recheranno al cimitero monumentale di Marcognano situato a Torano, frazione del comune di Carrara, lungo il passo delle Alpi Apuane, dove alle ore 8.00 è prevista la deposizione di una corona al monumento ai caduti sul lavoro.

“Nell’era dell’innovazione digitale siamo qui a dover parlare di sicurezza sul lavoro. Questi primi quattro mesi dell’anno sono stati terrificanti, ci sono stati moltissimi infortuni e più di 160 morti sul lavoro. Tutto questo è anacronistico e la sicurezza è una responsabilità che deve interrogare tutti: sindacati, imprese e istituzioni. Per noi la sicurezza sul lavoro è diventata una vera e propria emergenza nazionale”, ha detto il segretario confederale della Cgil, Nino Baseotto.

“Il nostro obiettivo deve essere quello di creare più lavoro, il 32 per cento di disoccupazione giovanile costituisce un macigno insormontabile per permettere al paese di riprendere la via della crescita e dello sviluppo, ma deve essere lavoro dignitoso e sicuro”.

Nel pomeriggio, invece, si terrà come ogni anno il ‘Concertone’ in piazza San Giovanni a Roma, promosso dalle tre confederazioni e organizzato da iCompany. A condurre la manifestazione di quest’anno saranno Ambra Angiolini e Lodo Guenzi del gruppo Lo Stato Sociale.

Tra gli altri artisti vi sono Gianna Nannini – Fatboy Slim, Carmen Consoli, Ermal Meta, Canova, Nitro, Calibro 35, Dardust feat Joan Thiele, Frah Quintale, Wrongonyou e Willie Peyote, Max Gazzè & Form, Sfera Ebbasta,  Lo Stato Sociale, Cosmo, Le vibrazioni, I Ministri, The Zen Circus, Gemitaiz, Ultimo, Achille Lauro e Boss Doms, Gazzelle, Francesca Michielin, Maria Antonietta, Galeffi, Mirkoeilcane, John De Leo.