Me
Roma, fermata banda che gestiva spaccio di droga: 7 arresti
Condividi su:
arresti droga roma

Roma, fermata banda che gestiva spaccio di droga: 7 arresti

26 Apr. 2018
arresti droga roma

Una banda molto ramificata e dedita allo spaccio di droga a Roma, con base nel quartiere di Prima Porta, che gestiva un volume di affari di migliaia di euro e smerciava diversi chili di cocaina ogni mese.

È questo il quadro che ha portato stamattina all’arresto di 7 persone, mentre altre 17 risultano indagate. Secondo gli inquirenti, il referente principale del gruppo è un cittadino tunisino: attraverso connazionali e altri complici, avrebbe gestito numerose piazze di spaccio.

I suoi complici, a loro volta, si avvalevano di “corrieri” per il trasporto e la consegna della droga ai clienti.

A fine 2016 c’erano già stati alcuni arresti e sequestri di cocaina nella zona di Prima Porta. Da lì è iniziata un’attività investigativa a più ampio raggio  che ha portato gradualmente all’identificazione dei soggetti coinvolti nelle attività di spaccio.

Nel corso dell’indagine è stato possibile riscontrare come gli indagati, per evitare che le forze dell’ordine potessero scoprire le loro attività criminose, adottassero numerosi stratagemmi.

Si avvalevano infatti di persone incensurate per lo spaccio al dettaglio, utilizzavano un linguaggio criptato nel corso delle conversazioni nonché schede telefoniche intestate ad utenti fittizi.

Si organizzavano anche per ostacolare eventuali pedinamenti. Numerosi abitanti provenienti da diversi quartieri di Roma Nord sono risultati i principali acquirenti dello smercio di cocaina.

L’attività illecita del gruppo era organizzata in ogni suo aspetto, con la suddivisione in zone, nelle quali erano individuati dei responsabili che, in caso di azioni di contrasto da parte delle forze dell’ordine, rispondevano personalmente delle perdite di droga al capo del sodalizio criminale.

Durante le indagini i Carabinieri della Compagnia Roma Cassia hanno arrestato in flagranza di reato 3 persone, e segnalato 14 clienti abituali alla Prefettura per uso personale di sostanze stupefacenti.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus