Me

Roma, una donna è stata picchiata alla fermata dell’autobus: arrestato l’aggressore

Immagine di copertina

Aveva cercato di estorcere soldi a una ragazza di origine marocchina: di fronte al rifiuto opposto di quest’ultima, l’ha picchiata in prossimità di una fermata dell’autobus rubandole il cellulare.

Il fatto è accaduto ieri a Roma, in via Trani, ma solo poco fa i carabinieri sono riusciti a identificare e arrestare il responsabile: si tratta di un trans 28enne di origini brasiliane, senza fissa dimora e che aveva molti precedenti penali.

La vittima, nonostante le richieste insistenti e prepotenti di denaro, aveva opposto resistenza, ma era stata picchiata con calci e pugni al volto e all’addome, oltre che derubata del suo smartphone.

La 28enne era poi stata trasportata al pronto soccorso dell’ospedale Vannini, dove le sono stati diagnosticati traumi facciali, cranici e addominali.

Proprio la descrizione dell’aggressore effettuata dalla donna ha però permesso l’identificazione del trans di origini brasiliane, che si trovava in un condominio di via Ugento, in uno scantinato occupato anche da altri connazionali.

L’aggressore è stato poi riconosciuto, dopo l’arresto, anche dalla vittima, e ora si trova nel carcere di Regina Coeli.