Me

Elezioni Azerbaigian, Ilham Aliyev rieletto presidente

Il voto è stato boicottato dai principali partiti d'opposizione

Immagine di copertina
Ilham Aliyev, presidente dell'Azerbaigian. Credit: Getty Images

Il presidente dell’Azerbaigian, Ilham Aliyev, è stato rieletto per il quarto mandato consecutivo nelle elezioni anticipate che si sono tenute mercoledì 11 aprile 2018.

La tornata elettorale è stata boicottata dai principali partiti d’opposizione, che hanno imputato alle autorità di aver manipolato il voto.

Aliyev è stato anche accusato di aver indetto la tornata elettorale sei mesi prima del previsto.

Nella serata dell’11 aprile la Commission elettorale centrale ha diffuso i risultati parziali quando lo spoglio era ancora in corso con il 63,7 per cento delle schede scrutinate.

Ilham Aliyev ha ottenuto l’86,1 per cento dei voti. Il presidente uscente è il figlio del suo predecessore Heydar Aliyev, scomparso nel dicembre 2003.

Pochi mesi prima della sua morte, nell’ottobre 2003, furono indette elezioni che videro il figlio Ilham unico candidato.

Aliyev, 56 anni, ha governato il paese con piglio autoritario e ha beneficiato negli ultimi anni dei ricchi proventi generati dai giacimenti di petrolio.

Il Consiglio nazionale delle forze democratiche, un gruppo di opposizione, ha dichiarato che solo il 15 per cento circa dell’elettorato ha votato, mentre secondo la Commissione elettorale l’affluenza è stata quasi del 75 per cento.

Secondo i partiti d’opposizione, “tutte le precedenti elezioni in Azerbaigian sono state falsificate e tenute in violazione flagrante della legge elettorale”.

“Queste elezioni non fanno eccezione”, ha commentato il segretario esecutivo del Movimento repubblicano alternativo, Natig Jafarli.

Le autorità del paese hanno respinto le accuse, sostenendo che le elezioni sono state libere e giuste.

“L’Azerbaigian è sulla strada ferma e irreversibile dello sviluppo democratico, per le elezioni è stato creato un ambiente libero, aperto e trasparente”, ha ribattuto il portavoce del ministero degli Esteri, Hikmet Hajiyev.

Secondo il governo, “tutti i candidati godono di uguali diritti e opportunità”.

Le elezioni presidenziali originariamente erano programmate il prossimo ottobre. Le autorità hanno motivato la decisione di anticipare il voto con vari eventi di alto profilo che attendono il paese alla fine del 2018.

Nel 2013 la costituzione dell’Azerbaigian è stata modificata per estendere il mandato presidenziale da cinque a sette anni.