Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Ricordando l’eccidio delle donne del ponte di ferro

Il 7 aprile del 1944 dieci donne vennero uccise dai soldati nazisti per aver assaltato un mulino a Roma in cerca di pane

Immagine di copertina
Ricordando l’eccidio delle donne del ponte di ferro

Il 7 aprile del 1944, mentre in tutta Europa era in corso la Seconda Guerra Mondiale e Roma era occupata dai soldati della Germania nazista, alcune donne, provenienti da diversi quartieri della capitale, mosse dalla fame decisero di assaltare il mulino Tesei, nel quartiere Portuense, per riuscire a impossessarsi di grano e di pane.

Per reazione, i soldati tedeschi fucilano dieci di queste donne: Clorinda Falsetti, Italia Ferracci, Esperia Pellegrini, Elvira Ferrante, Eulalia Fiorentino, Elettra Maria Giardini, Concetta Piazza, Assunta Maria Aizzi, Arialda Pistolesi e Silvia Loggreolo.

Il mulino in questione si trovava a pochi passi dal ponte dell’Industria, noto a Roma come ponte di ferro, per via del materiale con cui è stato costruito. Per questa ragione, le dieci donne, sono ricordate nella cultura popolare spesso come le donne del ponte di ferro.