Me

Il comune di Roma si vuole prendere le monete lanciate dentro fontana di Trevi

Immagine di copertina

Tra le tante tradizioni esistenti a Roma esiste quella di lanciare una moneta all’interno della fontana di Trevi, dandole rigorosamente le spalle: in questo modo, si dice che il destino riporterà nella Città Eterna chi ha compiuto questo gesto.

Seppur antica, questa tradizione è ancora molto popolare, soprattutto tra i turisti, che ogni giorno lanciano migliaia di monete di numerose valute da tutto il mondo.

Alla fine della giornata, secondo il sito Travel+Leisure, ci sono ben 13.500 euro nella vasca della celebre fontana, che significa oltre 900mila euro in un anno.

Nel 2006 il comune di Roma ha stabilito che questi soldi vengano destinati alla Caritas della capitale che le usa per opere di bene in favore dei poveri. Ogni mattina, intorno alle 8, una squadra di uomini della Caritas raccoglie tutte le monete lanciate nella giornata: un’operazione che, per via della popolarità di questa tradizione, dura in genere circa un’ora.

Tuttavia, il Corriere della Sera ha reso noto con un articolo del 28 marzo, che dal primo aprile 2018 queste monete potrebbero non andare più alla Caritas, ma essere trattenute dal comune di Roma.

Il quotidiano ha citato infatti una memoria firmata lo scorso ottobre dal vicesindaco di Roma Luca Bergamo e dall’assessore al Sociale Laura Baldassarre secondo cui dal primo aprile le monete dovranno essere destinate al comune “per finanziare progetti di assistenza e solidarietà”.

Al momento, tuttavia, non sono arrivate comunicazioni ufficiali né da parte del comune né della Caritas. Il quotidiano romano Il Messaggero riporta l’esistenza di un cavillo tecnico che permette al comune di trattenere per sé le monete, il quale starebbe attualmente cercando uno strumento giuridico per riuscirci.

Il 29 marzo i media hanno diffuso la notizia che la Caritas continuerà a gestire le monete lanciate dentro la fontana di Trevi per tutto il 2018.

La fontana di Trevi venne costruita nel XVIII secolo dall’architetto Nicola Salvi e oggi rappresenta uno dei monumenti più noti e visitati di Roma. Numerosi film hanno immortalato questa fontana a partire da La dolce vita, in cui si vede il celebre bagno nella fontana di Marcello Mastroianni e Anita Ekberg.