Me

Dai Simpson a Star Trek: Stephen Hawking era anche un’icona pop

Nel corso degli anni il popolare astrofisico è apparso in cartoni animati come I Simpson e Futurama, in serie tv come Star Trek e Big Bang Theory e ha partecipato a molti talk show

Immagine di copertina

Oltre ad essere tra i più celebri astrofisici di sempre, Stephen Hawking è stato anche un’icona della cultura pop.

“I Simpson sono il prodotto migliore della televisione americana”, disse una volta lo scienziato al BBC The Culture Show, parlando della sua apparizione nel cartone animato di Matt Groening nel 1999.

Hawking è apparso nella serie alla fine della decima stagione, nell’episodio “Hanno salvato il cervello di Lisa”.

“Sono stato raffigurato come un personaggio un po’ surreale con poteri enormi”, ha detto Hawking, commentando la resa che aveva avuto il suo personaggio inserito nella vita della città di Springfield.

“Tra gli oggetti che hanno usato per la mia immagine di cartone animato, non mi piace la pizza, e spero di non usare mai un guantone da boxe, anche se a volte ne sono molto tentato”, ha aggiunto.

Hawking successivamente fece altre tre apparizioni nei Simpson e fu inserito anche in un altro cartone dello stesso disegnatore, Futurama.

Ma il grande astrofisico è comparso anche in serie tv non animate.

È apparso più volte nello show The Big Bang Theory, una serie televisiva che prende il nome dalla teoria su cui Hawking ha lavorato per gran parte della sua vita.

“Hai fatto un errore aritmetico alla seconda pagina, è stato un vero disastro”, dice Hawking al protagonista della serie, Sheldon, dopo aver esaminato un articolo sul bosone di Higgs in un episodio del 2012.

Hawking ha preso parte anche a un episodio del 1993 di Star Trek: The Next Generation, dove gioca una partita di poker con le più grandi menti della fisica, tra cui Albert Einstein e Isaac Newton.

“Il principio di indeterminazione non ti aiuterà, Stephen”, dice Einstein a Hawking. “Tutte le fluttuazioni quantiche del mondo non cambieranno le carte nella tua mano”.

Ha compiuto infine alcune apparizioni nei talk show televisivi serali, con le telefonate fatte a Jim Carrey durante il programma Late Night nel 2007 e lo sketch con John Oliver in “People Who” durante il Last Week Tonight.

“Hai affermato che ci potrebbe essere un numero infinito di universi paralleli: significa che esiste un universo là fuori dove sono più intelligente di te?”, chiese il conduttore allo scienziato.

“Sì”, rispose Hawking. “E anche un universo in cui sei divertente”.

Nel corso degli anni il personaggio di Hawking è stato portato in scena e interpretato da attori come Benedict Cumberbatch, nel 2004, nel film Hawking, e da Eddie Redmayne nel 2014 nel film La teoria del tutto.

Redmayne, che ha vinto l’Oscar come miglior attore per la sua performance, ha dedicato la vittoria alle persone affette da SLA come Hawking.

Lo scienziato ha permesso l’uso del suo sintetizzatore vocale nel film.

L’influenza di Hawking si è estesa anche al mondo della musica, dove viene citato nei brani dei Pink Floyd “Keep Talking” del 1994 e “Talkin Hawkin” del 2014.

Se certamente Hawking è giunto alla gloria scientifica grazie alle sue teorie sulla relatività e sui buchi neri, la sua presenza nella cultura pop gli è valsa il riconoscimento di icona moderna a tutto campo.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus