Me
Ghouta distrutta dalla guerra: le immagini prima e dopo viste dallo spazio
Condividi su:
ghouta distrutta guerra

Ghouta distrutta dalla guerra: le immagini prima e dopo viste dallo spazio

Osservando le ultime immagini satellitari fornite dalle Nazioni Unite, è possibile verificare i danni provcati dal conflitto che sta devastando la Siria da otto anni e che negli ultimi 14 giorni ha visto un'escalation di atroce violenza

02 Mar. 2018
ghouta distrutta guerra

Dal 18 febbraio 2018, le forze del regime siriano hanno intensificato i bombardamenti nella parte orientale di Ghouta, in Siria, area in mano ai ribelli e che oggi è sotto assedio.

In meno di due settimane, gli attacchi aerei hanno stravolto il volto di un’intera area che oggi appare rasa al suolo e completamente devastata.

Le quotidiane “pause umanitarie” annunciata dalla Russia nell’enclave ribelle siriana della Ghouta orientale vengono puntualmente violate da attacchi aerei e lanci di razzi da parte delle forze governative.

Leggi anche: “Dovrei aiutarli o continuare a fotografare?”: diario dall’inferno di Ghouta

Nulla sembra riuscire a fermare lo spargimento di sangue nell’enclave, dove sono stati colpiti ospedali, scuole e negozi.

Secondo l’Osservatorio siriano per i diritti umani, finora oltre 580 civili sono morti, tra i quali 140 bambini.

Osservando le ultime immagini satellitari fornite dalle Nazioni Unite, in un distretto, il 93 per cento degli edifici è stato danneggiato o distrutto.

Immagine satellitare Google / DigitalGlobe. Le valutazioni del danno riguardano solo i quartieri occidentali densamente popolati della Ghouta orientale

La regione, che ospita quasi 400mila persone, è l’ultima grande roccaforte ribelle vicino alla capitale Damasco.

L’enclave – estesa quanto Manchester nel Regno Unito – è stata assediata dal 2013, ma la situazione umanitaria è peggiorata in modo significativo da quando le ostilità tra il governo e le forze ribelli si sono intensificate lo scorso novembre.

Ecco come appariva l’area ad agosto 2013.

Ghouta. Agosto 2013. Bbc

Questa, invece, è un’immagine satellitare di come appare oggi l’area, la distruzione è evidente:

La recente ondata di attentati è stata tra le più feroci della guerra siriana, che ora sta entrando nell’ottavo anno di conflitto.

La maggior parte delle infrastrutture e i servizi civili essenziali sono stati colpiti. L’analisi delle immagini satellitari realizzata dal McKenzie Intelligence Service mostra come anche cisterna d’acqua nel quartiere di Harasta sia stato preso di mira dai bombardamenti.

Finora, nessun civile ha usato il “corridoio umanitario” designato dalla Russia per lasciare la Ghouta orientale. Nel frattempo, le agenzie delle Nazioni Unite e i loro partner hanno affermato che, date le circostanze, è impossibile consegnare le urgenti forniture umanitarie.

La situazione è catastrofica: i civili sono senza cibo, senza medicine e senza riparo.

Già a dicembre 2017, le analisi condotte dall’ONU nelle zone occidentali più densamente popolate della Ghouta orientale avevano identificato circa 3.853 edifici distrutti, 5.141 edifici gravemente danneggiati e 3.547 edifici moderatamente danneggiati.

Jobar

Tra le aree finora esaminate, Jobar è quella che ha subito i danni peggiori. Circa il 93 per cento degli edifici è stato danneggiato o distrutto.

L’area è stata un un fronte di guerra attivo per molti mesi e la maggior parte della popolazione civile è fuggita. Sono rimasti solo i gruppi armati.

Credit: AFP PHOTO / Ammar SULEIMAN

Zamalka

L’area di Zamalka registra il terzo più alto tasso di danni nell’area Ghouta orientale, secondo l’ONU. Circa il 59 per cento degli edifici è stato danneggiato o distrutto.

Da due anni manca acqua ed energia elettrica e oltre il 75 per cento della popolazione civile è fuggita.

Credit: AFP PHOTO / Amer ALMOHIBANY

Hamouria

Grazie alla posizione più centrale di Hamouria all’interno della Ghouta orientale, l’ammontare dei danni valutati a dicembre è stato inferiore rispetto ad altre aree. Circa l’11 per cento degli edifici è stato danneggiato o distrutto.

L’area è stata sottoposta a ripetuti attacchi durante l’ultimo round di bombardamenti.

Credit: AFP PHOTO / ABDULMONAM EASSA

Douma

La più grande città dell’area di Ghouta è stata pesantemente colpita nell’ultimo round di attacchi aerei.

Ecco come appariva la città a dicembre 2014.
Ecco la stessa area a febbraio 2018.

Leggi anche: “Il mondo sa che esistiamo?”: l’agghiacciante testimonianza di un’infermiera dall’inferno di Ghouta in Siria

Leggi anche: “Almeno in paradiso c’è il cibo, qui a Ghouta no” 

Leggi anche: “Non è una guerra, è un massacro”: decine di persone uccise nell’enclave siriana di Ghouta

Leggi anche: L’Iran sta silenziosamente consolidando le sue forze armate in Siria

Leggi anche: Si parla sempre meno di Siria, ma il governo di Assad massacra ancora i suoi civili 

Leggi anche: Il Consiglio di sicurezza Onu ha finalmente approvato una tregua di 30 giorni in Siria

Leggi anche: Dove si combatte oggi in Siria: tutti i fronti di guerra 

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus