Me
Stati Uniti: spari in un’altra scuola vicino a Seattle
Condividi su:

Stati Uniti: spari in un’altra scuola vicino a Seattle

Il liceo Higline College di Des Moines, nello stato di Washington, è in isolamento per il sospetto di una nuova sparatoria

16 Feb. 2018

Il 16 febbraio 2018 l’Highline College della città Des Moines, a sud Seattle, nello stato Washington, è rimasto per alcune ore in stato di isolamento per via della notizia di colpi di pistola uditi nel campus, secondo quanto riporta la pagina Facebook della scuola.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

L’allarme è arrivato a due soli giorni di distanza dalla strage a Parkland, in Florida, dove un ex studente della Marjory Stoneman Douglas High School ha fatto irruzione nel suo vecchio liceo uccidendo 17 persone.

Leggi anche: Quante sparatorie nelle scuole ci sono state dall’inizio del 2018 negli Stati uniti

Rick Johnson, un agente di pattuglia dello stato di Washington, ha detto che alla polizia è stato chiesto di chiudere una porzione della strada interstatale 5 vicino al campus, mentre proseguivano le indagini per verificare la presenza di un soggetto armato.

Intorno alle 18 (ora italiana) la pagina Facebook della scuola ha riportato la notizia, specificando a chiare lettere “questa non è un’esercitazione”, ed invitando studenti e docenti a chiudersi nelle aule fino a successive comunicazioni.

Al primo post ne sono seguiti numerosi altri, nei quali la scuola intima a tutti di restare in isolamento fino a quando le forze dell’ordine procederanno con l’evacuazione, attualmente in corso.

Il sito internet della scuola è rimasto a lungo inaccessibile, essendo stato sostituito da un’unica schermata bianca sulla quale venivano riportati aggiornamenti sulla situazione, indicando un parcheggio poco lontano dalla scuola come punto di raccolta per le famiglie.

Su Twitter, i vigili del fuoco informano hanno dichiarato che non si ha notizia di vittime.

 

Alex Ray, uno studente della scuola, ha scritto di aver sentito cinque colpi di pistola molto vicini a lui, e di essersi barricato con altri dodici ragazzi in una classe. “Siamo bene e siamo calmi” rassicurava il ragazzo.

 

Un altro tweet mostrava una foto dei ragazzi nascosti dietro ai banchi, accompagnata dal commento “ancora in isolamento”.

 

Intorno alle 20.40 (ora italiana) la pagina Facebook della scuola e il profilo Twitter del dipartimento di polizia di Renton hanno poi comunicato il cessato allarme, dopo che le forze dell’ordine hanno completato l’ispezione dell’intera area, senza trovare elementi di pericolo.

 

Ad incrementare il clima di tensione è certamente stata la ferita, ancora del tutto aperta, della sparatoria del 14 febbraio 2018, di cui si può respirare il terrore nei video diffusi dagli studenti mentre si nascondevano.

 

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus