Me
Il test di 4 minuti per sapere quante parole italiane conosci
Condividi su:
test-lingua-italiana

Il test di 4 minuti per sapere quante parole italiane conosci

Alcuni ricercatori hanno pubblicato online un questionario che misurerà la vostra conoscenza del vocabolario italiano

11 Dic. 2017
test-lingua-italiana

“Complimentosa” è una parola italiana? E “seccistina”? Un test messo a punto da ricercatori di psicologia dell’Università Bicocca di Milano e dell’Università di Ghent, sfida vostra la conoscenza della lingua italiana.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Il questionario può essere completato online su pc, tablet e smartphone da chiunque, con pochi e semplici passaggi. L’utente è chiamato a scegliere se la parola che il programma gli sottopone fa parte del vocabolario italiano oppure è una parola inventata. Anche il tempo in cui fornisce la risposta viene tenuto in considerazione nel report finale.

L’obiettivo dei ricercatori è quello di “coinvolgere una larga parte della popolazione italiana in un compito di cruciale importanza per lo sviluppo della scienza del linguaggio”, come ha spiegato Marco Marelli, ricercatore del dipartimento di Psicologia della Bicocca, a Repubblica. L’esperimento “non si interromperà dopo pochi mesi ma andrà avanti, virtualmente, per molti anni, consentendoci di esplorare quali parole sono più riconosciute adesso e negli anni a venire”.

Per completare il test bastano 4 minuti. Inoltre, il questionario è in forma anonima e può essere completato anche più volte dalla stessa persona: ogni volta saranno sottoposte alla sua attenzione parole diverse estrapolate da un elenco che ne comprende 130mila.

Per chi lo desidera, è possibile condividere i propri risultati su Twitter e Facebook, sfidando i propri amici per vedere chi conosce più parole, e sfidando se stessi a migliorare il proprio punteggio e, perché no, a imparare nuove parole grazie ai link ai dizionari online predisposti insieme ai risultati.

Qui il link per fare il test.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus