Trump al summit Apec in Vietnam: “Gli Usa non tollereranno un commercio ingiusto”
Condividi su:

Trump al summit Apec in Vietnam: “Gli Usa non tollereranno un commercio ingiusto”

Il presidente Usa ha presentato la sua visione per una “regione Indo-Pacifica libera e aperta”. Salta l'incontro con il presidente russo Vladimir Putin

10 Nov. 2017  
Donald Trump durante il suo discorso nell'ultimo giorno del summit APEC, il 10 novembre 2017. Credit: Anthony Wallace

“Il futuro di questa regione non può essere ostaggio di un dittatore con fantasie contorte”. Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump non ha risparmiato la Corea del Nord da un nuovo, duro attacco durante il suo intervento di venerdì 10 novembre al summit dei paesi APEC (Cooperazione Economica Asiatico-Pacifica) che si sta svolgendo a Danang, sulla costa del Vietnam.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Proprio in occasione del summit, il Cremlino aveva annunciato un bilaterale tra il presidente russo Vladimir Putin e Donald Trump, entrambi presenti a Danang, ma venerdì la Casa Bianca ha smentito la notizia di un incontro a due tra i leader.

Trump è arrivato in Vietnam dopo aver incontrato a Pechino il presidente cinese Xi Jinping. Il presidente Usa ha parlato di Xi dicendo che è “molto rispettato” e i media cinesi hanno definito la visita “l’inizio di un nuovo progetto” per le relazioni tra Stati Uniti e Cina.

Nel suo intervento al summit la mattina del 10 novembre, Trump ha presentato la sua visione per una “regione Indo-Pacifica libera e aperta” e ha fatto riferimento sia al tema della sicurezza sia a quello del commercio: due punti cardine del suo viaggio di 12 giorni in Asia.

Il presidente degli Stati Uniti ha insistito soprattutto sulla necessità di politiche commerciali eque e giuste.

“Dobbiamo assicurarci che tutti giochino rispettando le regole, cosa che non succede al momento”, ha detto Trump. “Non possiamo più tollerare questi abusi cronici nel commercio. Il bilanciamento attuale con la Cina non è accettabile. Gli Stati Uniti insisteranno su politiche commerciali giuste ed eque da adesso in poi”.

Il presidente statunitense sostiene che Washington non sia stata trattata in modo equo dall’Organizzazione mondiale del commercio. Trump ha specificato inoltre che i paesi dell’area indo-pacifica non possono essere considerati “i satelliti di nessun altro paese” e che “gli Stati Uniti saranno loro partner e alleati per lungo tempo”.

“Stringeremo accordi sulla base del rispetto reciproco e dei vantaggi reciproci”, ha promesso Trump. “Faremo accordi bilaterali con ogni partner della regione Indo-pacifica”.

Sulle minacce nucleari della Corea del Nord, il presidente Trump ha detto che “il futuro della regione e dei suoi bei popoli non possono essere ostaggio di un dittatore con fantasie contorte di conquista e ricatto nucleare”.