La polizia francese ha arrestato cinque persone dopo il ritrovamento di una bomba a Parigi
Condividi su:

La polizia francese ha arrestato cinque persone dopo il ritrovamento di una bomba a Parigi

Domenica primo ottobre, l'antiterrorismo francese aveva trovato un dispositivo formato da diverse bombole di gas collegate a un timer in un appartamento della capitale

03 Ott. 2017  
Credit: Afp

Gli investigatori dell’antiterrorismo francese hanno arrestato cinque persone collegate al ritrovamento di quella che sembrava essere una bomba pronta a esplodere, all’interno di un palazzo di uno dei quartieri più esclusivi di Parigi.

A riferirlo è stata l’agenzia di stampa Reuters, che cita fonti del governo francese.

I cinque arrestati sono al momento sotto interrogatorio da parte della polizia. Il ministro dell’Interno del governo francese ha detto che uno dei fermati era segnalato nella lista dei servizi di intelligence, come “radicalizzato”.

“Siamo ancora in guerra”, ha detto il ministro alla radio pubblica France Inter, in un’intervista riguardo l’attacco terroristico portato a termine domenica primo ottobre da Ahmed Hanachi alla stazione Saint-Charles di Marsiglia, in cui sono morte due ragazze di 17 e 20 anni.

Secondo quanto riportato da Reuters, alcune fonti della magistratura francese hanno affermato che il dispositivo ritrovato nel 16esimo arrondissement di Parigi comprendeva due bombole di gas all’interno dell’edificio e due all’esterno. Alcuni di questi contenitori erano stati cosparsi di benzina ed erano collegati tramite cavi a un telefono cellulare.

Oltre 230 persone sono state uccise in diversi attacchi terroristici in Francia, negli ultimi tre anni. Il sedicente Stato Islamico, le cui basi in Siria e Iraq sono state bombardate dall’aviazione francese, ha invitato più volte i propri seguaci ad attaccare la Francia.

La maggior parte delle vittime è morta durante gli attacchi di Parigi del 2015 e nell’attentato sulla promenade des Anglais di Nizza nel luglio 2016. Da allora, una serie di attacchi perpetrati da cosiddetti “lupi solitari” hanno colpito soprattutto poliziotti e soldati.

“La minaccia terroristica sta cambiando forma”, ha detto il ministro Collomb.