Me
Un blitz congiunto delle forze speciali somale e statunitensi ha ucciso 10 civili in Somalia
Condividi su:
Credit: Reuters/Feisal Omar

Un blitz congiunto delle forze speciali somale e statunitensi ha ucciso 10 civili in Somalia

La strage di civili è avvenuta nel sud del paese. Laddove i militari credevano di trovare un campo di addestramento terroristico c'era invece una semplice fattoria

27 Ago. 2017
Credit: Reuters/Feisal Omar

Venerdì 25 agosto, le forze armate somale supportate dalle truppe statunitensi hanno ucciso dieci civili, tra cui tre bambini, in un villaggio vicino alla capitale Mogadiscio. A riferirlo è stata l’agenzia di stampa Reuters che ha contattato alcuni testimoni presenti al fatto.

L’episodio è avvenuto nel villaggio di Barire, nella provincia di Lower Shabelle, nel sud della Somalia. Secondo il governatore provinciale, i contadini sono stati uccisi uno per uno all’alba del 25 agosto.

Il coinvolgimento delle truppe statunitensi è stato confermato dal Comando degli Stati Uniti in Africa. L’esercito statunitense ha poi affermato di essere intenzionato a investigare sull’accaduto e in particolare sulle vittime civili dell’operazione.

L’esercito somalo inizialmente aveva detto che nessun civile era stato ucciso e che tutti i deceduti erano miliziani di al-Shabaab l’organizzazione terroristica somala legata ad al Qaeda, che combatte per rovesciare il governo internazionalmente riconosciuto di Mogadiscio e imporre la Sharia, la legge islamica, in tutto il paese.

In seguito, anche le autorità militari somale hanno però ammesso che le vittime dell’operazione erano civili. “Sappiamo che ci sono state vittime civili e il governo federale sta indagando per scoprire la verità a riguardo”, si può leggere nel comunicato rilasciato dall’esercito somalo.

“Invitiamo i cittadini somali a cooperare pienamente con il governo in materia”.

La strage suscita domande sul crescente coinvolgimento delle forze armate di Washington nel conflitto in corso nel Corno d’Africa. La Somalia infatti è impegnata in una guerra civile dal 1991.

Da quando è stato eletto il presidente Donald Trump, la Casa Bianca ha concesso al Comando degli Stati Uniti in Africa una maggiore discrezionalità di condurre raid aerei e operazioni nel paese contro i miliziani di al-Shabaab.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus