Me
Una vittima dell’11 settembre è stata identificata dopo 16 anni
Condividi su:
Credit: Reuters/Stringer

Una vittima dell’11 settembre è stata identificata dopo 16 anni

08 Ago. 2017
Credit: Reuters/Stringer

È stata identificata un’altra vittima dell’attacco dell’11 settembre 2001 al World Trade Center di New York. A riferirlo sono state le autorità sanitarie della città.

La vittima è l’ultima delle 1.641 persone già identificate su un totale di 2.753 che sono morte nell’attacco terroristico perpetrato da al-Qaeda.

L’uomo, la cui identità non è stata rivelata su richiesta della famiglia, lavorava in una delle torri colpite dagli aerei dirottati.

L’identificazione è stata possibile grazie a una nuova tecnica. L’annuncio, dato nella giornata di lunedì 7 agosto, è avvenuto a due anni dall’ultimo riconoscimento di una vittima dell’attacco alle Torri gemelle.

L’ultima persona morta nel World Trade Center di New York era infatti stata identificata nel 2015.

Oltre il 40per cento delle vittime delle Torri gemelle rimangono a tutt’oggi non identificate, a quasi 16 anni dall’attacco terroristico.

La mattina dell’11 settembre 2001, 19  terroristi di al-Qaeda dirottarono quattro voli civili, facendone schiantare due contro il World Trade Center di New York, causandone il collasso di entrambe le torri.

Il terzo aereo di linea venne invece fatto cadere sul Pentagono, mentre il quarto aereo, diretto nelle intenzioni dei terroristi contro la Casa Bianca a Washington, si schiantò in un campo agricolo in Pennsylvania, dopo che i passeggeri e i membri dell’equipaggio tentarono di riprendere il controllo del velivolo.

Il superstite dell’11 Settembre che ha ritrovato per caso il suo salvatore dopo 15 anni

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus