Me

Una ragazza di 16 anni è stata stuprata per ordine del consiglio del suo villaggio in Pakistan

Lo stupro è stato ordinato come vendetta nei confronti del fratello che aveva abusato di un'altra giovane della comunità

Immagine di copertina
Credit: Reuters

Mercoledì 26 luglio, la polizia ha arrestato 25 persone in un villaggio nell’est del Pakistan, accusate di aver ordinato lo stupro di una ragazza di 16 anni come vendetta per la violenza perpetrata da suo fratello nei confronti di un’altra giovane della stessa comunità.

La Corte suprema del paese ha chiesto alle forze dell’ordine di fare rapporto sul caso. La vicenda ricorda infatti un altro scandalo avvenuto nel 2002 quando un’altra adolescente subì una violenza di gruppo su ordine del locale consiglio del villaggio.

“Un totale di 29 persone sono state coinvolte in questo crimine e 25 di loro sono già in custodia”, ha detto Ahsan Younus, funzionario della polizia della città di Multan, nell’est del paese.

All’inizio di luglio, in un villaggio del Punjab pakistano, è stato convocato un consiglio di villaggio composto da 40 persone per discutere il caso di una ragazza di 13 anni stuprata da un giovane dello stesso villaggio.

Il consiglio stabilì che la sorella dell’aggressore avrebbe dovuto essere consegnata al fratello della vittima per essere violentata a sua volta. L’aggressione è avvenuta il 17 luglio dopo che la famiglia della giovane ha consegnato la ragazza al suo aguzzino che ha consumato la violenza di fronte ad alcuni rappresentanti del consiglio.

Il caso ha coinvolto le autorità pakistane quando entrambe le madri hanno denunciato alla polizia le violenze subite dalle figlie. I medici hanno confermato le aggressioni dopo aver visitato le ragazze.

“Dopo i primi interrogatori è subito emerso il ruolo del consiglio nella vicenda”, ha detto Younus. “Tutti gli anziani del consiglio del villaggio che hanno ordinato la violenza sono stati arrestati”.

Sia le vittime che le loro madri si trovano al momento in un centro di protezione per donne che hanno subito violenza.

Nel paese asiatico esiste una tradizione secolare di rivolgersi a consigli di anziani locali per risolvere questioni giudiziarie. Questi organismi sono noti come jirga, letteralmente assemblea in lingua pashtu, nel nord ovest del paese o panchayat, che in urdu, la lingua ufficiale del paese, significa consiglio dei cinque.

Queste assemblee sono generalmente tollerate dalle autorità ma le loro decisioni non sono riconosciute né dalla polizia né dai tribunali.

La pratica di comminare violenze sessuali per vendetta richiamò l’attenzione internazionale nel 2002 quando l’allora adolescente Mukhtaran Mai subì una violenza di gruppo su ordine di un panchayat per risarcire la comunità di un crimine compiuto da un parente maschio.

Mai decise di denunciare i suoi aggressori e i sei uomini colpevoli della violenza furono condannati, anche se cinque di loro furono successivamente rilasciati.

La donna è diventata ora un’attivista per i diritti delle donne nel suo paese. Commentando la vicenda su twitter, Mai ha sottolineato come dal 2002 in realtà non è cambiato nulla.

“Se ci fosse giustizia nel panchayat, avrebbero dovuto sparare allo stupratore, perché prendersela con una ragazza innocente?”, ha detto all’agenzia di stampa Reuters.