Me

Come sta andando il mercato delle auto

Il mese di maggio è stato molto positivo per il mercato delle auto, sia nuove che usate. Boom delle auto ibride (+87,4%) mentre le auto elettriche continuano a rappresentare una quota molto bassa del totale.

Immagine di copertina

Il mercato delle auto in Italia a maggio 2017 è tornato ai livelli del 2008, dopo una leggera flessione ad aprile. Se la performance nell’ultimo mese fosse confermata nell’arco dell’anno, le immatricolazioni in Italia potrebbero superare per la prima volta in un decennio la quota di 15,5 milioni. Nel quinto mese del 2017 sono state immatricolate più di 204.000 vetture, per un aumento percentuale pari all’8,2% rispetto al medesimo periodo dello scorso anno.

Prendendo in considerazione i marchi più noti sono da rilevare i forti risultati del Gruppo FCA, che a maggio ha visto oltre 60.000 nuove immatricolazioni con una crescita pari al 6,97%. Ad aver trainato l’intero gruppo è Fiat, vendendo in soli 31 giorni più di 45.500 vetture (+ 10,84%). Sono state ottime anche le vendite Alfa Romeo che con 4.601 auto immatricolate ha fatto registrare una crescita vicino al 32%. A seguire all’interno del gruppo si posizionano Jeep, Lancia, Maserati e Ferrari.
Al di fuori di FCA è soprattutto il Gruppo Volkswagen a mostrare un trend positivo. Quest’ultimo ha visto per protagonisti Volkswagen, Audi e anche Skoda, prima di Seat e Lamborghini. Infine, il gruppo PSA si è distinto, nel mese di maggio, per una crescita a doppia cifra. All’interno del gruppo Peugeot ha raggiunto un +13,33% ma ancora più sorprendenti sono stati i risultati di Citroën: +42,12%.
I segnali estremamente positivi del mercato delle auto nuove evidenziano come gli italiani siano disposti ad effettuare investimenti su vetture più performanti ed innovative.

Anche il mercato delle auto usate, considerato un vero e proprio “termometro” della capacità di acquisto delle famiglie italiane, è in buona salute: i dati del Pubblico Registro Automobilistico hanno evidenziato per il mese di maggio 2017 una crescita del 3,1% (la differenza positiva rispetto al 2016 è di 8.000 vetture).

Il mercato è agevolato anche da portali dedicati alla vendita che consentono a chiunque di ottenere in pochi minuti il valore della proprio auto usata, procedendo più facilmente alla vendita.

Allo stesso tempo sono aumentate dell’1,5% le radiazioni (ossia la cancellazione dal registro), confermando la tendenza al ringiovanimento delle auto in circolazione. A maggio, ogni 100 veicoli nuovi sono stati 123 quelli usati venduti sul mercato. Per quanto riguarda invece il ricambio delle auto, a maggio il cosiddetto tasso unitario di sostituzione ha raggiunto quota 0,63 (in pratica, ogni 100 nuove iscrizioni si sono verificate 63 radiazioni) raggiungendo sull’arco dei primi 5 mesi del 2017, lo 0,67.

Estendendo l’analisi alle diverse forme di alimentazione, le auto a metano proseguono nel percorso negativo iniziato ormai da qualche mese: in Italia il numero di veicoli venduti si è dimezzato nell’arco di un anno. Ad aver inciso su questo trend negativo sono, tra gli altri, il prezzo eccessivamente alto dei modelli, la mancanza di incentivi all’acquisto e gli elevati costi associati alla manutenzione. In alcune città, inoltre, non può essere trascurata la scelta di consentire l’accesso in determinate zone solo previo pagamento di una quota.

A controbilanciare la situazione delle auto a metano sono le auto a GPL e le ibride. Le prime sono cresciute del 26,3% mentre le vendite delle auto ibride sono addirittura aumentate dell’87,4%, incrementando la quota di mercato fino al 3,3%.

Anche le vendite delle auto elettriche hanno avuto un andamento positivo (+50%) ma la quota di mercato, pari a meno allo 0,1%, rimane irrilevante.

#postsponsorizzato