Me

Il presidente venezuelano Maduro accusa i manifestanti di aver dato fuoco a un suo sostenitore

Il ministro dell'Informazione Ernesto Villegas ha pubblicato un video in cui si vedono i manifestanti dar fuoco al 21enne Orlando José Figuera

Immagine di copertina

Il presidente venezuelano Nicolas Maduro ha accusato i manifestanti che protestano contro di lui di aver dato fuoco a un sostenitore del governo a Caracas sabato 20 maggio, durante il 50esimo giorno di proteste. 

L’uomo, Orlando José Figuera, ha subito ustioni sull’80 per cento del suo corpo. Secondo le autorità locali l’uomo sarebbe anche stato accoltellato durante le proteste di sabato 20 maggio.

Alcuni testimoni hanno riportato che la folla che ha dato fuoco all’uomo accusandolo di essere un ladro. 

Durante la stessa giornata del 20 maggio, un attivista dell’opposizione è stato colpito a morte da alcuni spari, facendo salire il bilancio delle vittime delle proteste a 48.

L’ufficio del procuratore generale ha spiegato che un uomo armato ha presumibilmente aperto il fuoco contro i dimostranti nella città di Valera, a ovest del paese. Edy Alejandro Teran Aguilar è morto a causa di uno sparo al torace. Altre due persone sono rimaste ferite. 

I manifestanti continuano a chiedere al presidente Maduro di dimettersi e di permettere lo svolgimento di nuove elezioni, scendendo in piazza per il 50esimo giorno di proteste.

“Una persona è stata data a fuoco, picchiata e accoltellata. Lo hanno quasi linciato, solo perché ha urlato di essere un Chavista”, ha accusato il presidente Maduro facendo riferimento a quanto avvenuto a Figuera e riferendosi al suo predecessore socialista Hugo Chavez.

Parlando durante il suo programma televisivo settimanale, Maduro ha descritto quanto successo come un “crimine di odio e contro l’umanità”.

Durante le proteste avvenute a Caracas sarebbero rimaste ferite 46 persone, tra cui il 21enne Figuera.

“A un uomo è stato dato fuoco durante una manifestazione pacifica dall’opposizione a Caracas”, ha scritto il ministro dell’Informazione Ernesto Villegas, condividendo un video dell’accaduto.

Attenzione: Le immagini potrebbero urtare la vostra sensibilità.

Intanto, secondo alcuni sondaggi, sette persone su dieci in Venezuela si oppongono a Maduro. 

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus