Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Che cos’è Apple Pay e come funziona

Il nuovo servizio permette di pagare direttamente con il proprio iPhone, Apple Watch e Mac attraverso l’utilizzo del lettore di impronte digitali

Immagine di copertina

È arrivato anche in Italia Apple Pay, il nuovo servizio che permette di pagare direttamente con il proprio iPhone, Apple Watch e Mac attraverso l’utilizzo del lettore di impronte digitali. Lanciato negli Stati Uniti nel 2014, Apple Pay permette di pagare più velocemente e in sicurezza.

Una volta associato il numero della propria carta di credito o di debito al dispositivo tramite l’app Wallet, basterà avvicinare l’Iphone o l’Apple Watch a un pos contactless, dare l’okay attraverso il Touch ID e il gioco è fatto.

Per quanto riguarda la sicurezza del servizio, avverte l’azienda, non c’è da preoccuparsi: il numero della propria carta non viene salvato all’interno del device e ogni transazione ha un proprio codice unico e diverso dall’altro.

In caso di smarrimento basta bloccare tutto attraverso il sistema iCloud, che permette di bloccare il proprio device a distanza. Oltre alla sicurezza c’è il problema della privacy. Ma anche su questo Apple rassicura: utilizzare Apple Pay non significa lasciare traccia dei propri acquisti, perché Apple non saprà dove e cosa hai comprato né quanto hai speso.

Il sistema di pagamento è supportato da tutti gli iPhone dal 6 in poi, iPad Air 2 e successivi, iPad mini 3 e successivi, Apple Watch, MacBook 2012 e successivi. È possibile memorizzare fino a 8 carte di credito. 

Al momento, in Italia, soltanto i clienti del circuito Mastercard o Visa con carta proveniente da Unicredit e Carrefour Bank possono accedere al servizio, ma già da quest’anno anche i clienti di Mediolanum, American Express, Carta BCC, ExpendiaSmart, Fineco Bank, Hype, N26 e Widiba potranno usufruirne.

Per gli altri esiste Boon: una carta di credito ricaricabile e utilizzabile per questo tipo di transazioni, ma con un costo di commissione in più. 

Nel 2016 i pagamenti digitali in Italia hanno raggiunto i 190 miliardi di euro (175 nel 2015), per una quota pari al 24 per cento dei consumi italiani, secondo i dati dell’Osservatorio mobile payment del Politecnico di Milano